Logo ImpresaCity.it

MAREA, il cavo sottomarino Microsoft-Facebook

Facebook e Microsoft in partnership per la creazione di un cavo sottomarino in fibra ottica che collegherà la Spagna agli Stati Uniti

Autore: Redazione

Facebook e Microsoft in partnership per la creazione di un cavo sottomarino in fibra ottica di ultima generazione che collegherà la Spagna (Bilbao) agli Stati Uniti (Virginia) fornendo una capacità complessiva di 160 Tbps. I lavori per la realizzazione dell'infrastruttura, che sarà gestita da Telxius, società della spagnola Telefonica,  dovrebbero iniziare ad agosto e concludersi a ottobre. Il nodo di Bilbao dovrebbe poi ramificarsi con estensioni in altri paesi europei, Africa, Medio Oriente e Asia.

Il cavo, denominato MAREA, viene considerato il primo a implementare tecnologia in fibra di ultima generazione in grado di gestire un carico trasmissivo nell'ordine dei terabit. "Microsoft continua ad investire in infrastrutture abilitanti lo scenatio futuro del computing, basato sul cloud, ha affermato Christian Brady, responsabile della divisione Data Center di Microsoft".

marea-submarine-cable-route.jpg
"L'iniziativa risponde alla necessità di gestire una progressiva e crescente domanda che fa riferimento a più di 200 servizi, incluso Bing, Office 365, Skype Xbox Live e la piattaforma Azure, aggiunge Brady. Il cavo transatlantico permetterà di fornire un'infrastruttura a bassa latenza e ad alta velocità, superando le capacità attuali permettendo ai clienti di accedere con maggiore efficienza e affidabilità ai nostri data center".

Microsoft, afferma di avere finora investito più di 15 miliardi di dollari in infrastruttura cloud per garantire l'erogazione ottimale dei servizi. Nel mondo sono attualmente presenti data center in 32 diverse aree geografiche che garantiscono disponibilità di servizio 24 ore su 24.

Pubblicato il: 30/05/2016

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud