Logo ImpresaCity.it

Red Hat punta sul mercato telco

Tecnologie NFV e OpenStack per semplificare e unificare infrastrutture complesse. Massimo Fatato nominato vp president Telco dell'area EMEA

Redazione

Red Hat ha nominato Massimo Fatato vice president of telecommunications EMEA. Fatato avrà il compito di guidare lo sviluppo strategico e le attività operative a supporto dell’espansione di Red Hat nel mercato delle telecomunicazioni in EMEA.  

massimo-fatato-2.jpgIl settore delle telecomunicazioni vive una crescente pressione, dovuta alle sempre maggiori richieste dei clienti e alla necessità di adattarsi al veloce ritmo di evoluzione della tecnologia. Red Hat vede la significativa opportunità di supportare i fornitori di apparati di rete (NEP, Network Equipment Providers) e di servizi di comunicazione (CSP, Communications Service Providers), grazie alle sue piattaforme e soluzioni pensate per i carrier in ambienti di telecomunicazioni mission-critical.

Red Hat vuole quindi supportare al meglio il mondo delle telecomunicazioni nella trasformazione delle proprie infrastrrutture, puntando su sistemi open quali NFV e OpenStack, per semplificare, unificare e aggiornare infrastrutture complesse senza causare interruzioni nell’esperienza qualitativa always-on tipica di questo settore. 

"Con il settore delle telecomunicazioni che sta subendo una fondamentale trasformazione tecnologica, speiga Fatato, per aziende come Red Hat si moltiplicano le possibilità di supportare NEP e CSP nel corso di questa evoluzione. Tra le principali ragioni che mi hanno spinto a far parte di questa azienda è il fatto di essere basata su principi e cultura open, caratteristiche che - a differenza dell’ambiente tradizionalmente chiuso del settore delle telecomunicazioni - potrebbero diventare i catalizzatori di questa trasformazione e del suo successo”.


Pubblicato il: 19/04/2016

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud