Logo ImpresaCity.it

Studi di settore, Rete Imprese: da accertamento diventi elemento di compliance

Le proposte delle Imprese sulla riforma: “Torniamo alle finalità iniziali dello strumento”.

Redazione ImpresaCity

“Nel corso del 2016, anche sulla base dell’atto di indirizzo del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 22 dicembre 2015, gli studi di settore saranno interessati da una semplificazione dei modelli e da una rivisitazione delle modalità di costruzione. Riteniamo sia giunta l’ora di cambiare passo e di abbandonare completamente l’utilizzo dello studio di settore come strumento di accertamento per valorizzarne le potenzialità dello stesso come elemento di compliance”.
A scriverlo è Rete Imprese Italia, in una nota in cui spiega la posizione delle imprese sugli studi di settore e avanza proposte per una riforma dello strumento che vada verso una maggiore efficienza.
“Alla luce delle annunciate modifiche – suggerisce Rete – è necessario rivedere l’impianto giuridico che governa la materia”. In particolare, sarebbe necessario “rivedere l’utilizzo degli studi di settore ritornando alle iniziali finalità dello strumento e utilizzarlo  come elemento di una rafforzata compliance”.
Pubblicato il: 15/02/2016

Tag:

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud