Logo ImpresaCity.it

Confcommercio: aumenta il disagio sociale in Italia

Secondo il Mic-Misery Index Confcommercio a maggio l'indice di disagio sociale sale a 20,7 da 20,4 (+0,3%). La disoccupazione estesa sale al 16,2% (+0,1%).

Redazione ImpresaCity

Il Mic-Misery Index Confcommercio di maggio 2015 si è attestato su un valore stimato di 20,7 punti, in aumento di tre decimi di punto rispetto al mese di aprile. Dopo la diminuzione rilevata ad aprile, il MIC è tornato a crescere in conseguenza di una crescita della disoccupazione e dei prezzi dei beni e servizi ad alta frequenza d'acquisto (0,3% a maggio).
L'aumento registrato dal MIC nell'ultimo mese si inserisce in un contesto in cui il miglioramento complessivo, rilevato nei primi mesi del 2015, non riesce ancora a tradursi in una ripresa in grado di avviare un processo di incremento progressivo delle dinamiche occupazionali e dei redditi delle famiglie.
Stante le dinamiche attuali, solo nella seconda parte del 2015, e in misura più significativa nel 2016, il consolidarsi del recupero dell'attività produttiva potrà determinare effetti duraturi sul mercato del lavoro e sul reddito delle famiglie, riportando l'area del disagio sociale su valori meno preoccupanti.
A maggio il tasso di disoccupazione ufficiale si è attestato al 12,4%, stabile rispetto ad aprile e in riduzione di due decimi nei confronti di un anno prima. I disoccupati si sono ridotti di 1.500 unità sul mese precedente e di 59mila rispetto a maggio del 2014. Il numero di occupati è diminuito di 63mila unità rispetto ad aprile e aumentato di 60mila nei confronti dello stesso mese del 2014.
Nel mese di maggio le ore di CIG autorizzate sono diminuite del 29% rispetto allo stesso mese del 2014. Sulla base di questa stima si è calcolato che le ore di CIG utilizzate – destagionalizzate e ricondotte a ULA – sono diminuite di mille unità su base mensile proseguendo il processo di riduzione di quest'area della disoccupazione estesa.
In controtendenza rispetto a tale dinamica, il numero di scoraggiati è stimato, anche a maggio, in crescita rispetto ad aprile.
Il combinarsi della modesta diminuzione dei disoccupati ufficiali e del numero di persone in CIG con l'aumento degli scoraggiati ha determinato un contenuto aumento del tasso di disoccupazione esteso, salito al 16,2%. Nello stesso mese i prezzi dei beni e dei servizi ad alta frequenza d'acquisto sono tornati a registrare, dopo un semestre, una variazione positiva (+0,3%).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 10/07/2015

Tag:

Speciali

Speciali

Gli ERP nell’era della trasformazione digitale

Speciali

NetApp Data Driven Academy