Logo ImpresaCity.it

Il Brunei a Expo Milano 2015

Il Sultanato del Brunei ha firmato il Contratto di Partecipazione per il Cluster delle Spezie di Expo Milano 2015.

Redazione ImpresaCity

Non solo Paesi in Via di Sviluppo. Il modello di partecipazione introdotto con i Cluster di Expo Milano 2015 convince anche Stati floridi, che vivono un periodo di crescita economica. È il caso del Sultanato del Brunei che  ha firmato il contratto per avere uno spazio espositivo all’interno del padiglione dedicato alle Spezie
Il documento è stato sottoscritto dal Commissario Generale del Paese e Ambasciatore del Brunei a Parigi con distaccamento secondario per l’Italia S.E. Dato Paduka Zainidi Sidup e dal Commissario Unico delegato del Governo per Expo Milano 2015 Giuseppe Sala

dettaglio.jpg
Le moderne tecnologie di comunicazione e di produzione agroalimentare saranno l’elemento caratterizzante la presenza del Brunei. Nella propria area espositiva – 375 metri quadrati disposti su due piani - monitor, display e video illustreranno il tema scelto: “Science and technology for food safety, security and quality – Scienza e tecnologia per garantire cibo sano, sicuro e di qualità”. 
L’obiettivo è raccontare come i metodi e le soluzioni trovate direttamente dal Paese per affrontare la crisi alimentare vissuta nel 2008 possano essere di supporto allo sviluppo di un’agricoltura sostenibile ed efficiente. 
Questo anche l’intento educativo del percorso sviluppato dall’intero Cluster delle Spezie, con il concept “Spice Voyage”: guidare i visitatori in un viaggio alla scoperta degli usi moderni e ancestrali delle spezie in cucina, in medicina e nei riti tradizionali, grazie a installazioni, applicazioni interattive e aree in cui poter sperimentare e assaggiare i differenti aromi. Mostre ed eventi animeranno gli spazi comuni che il Brunei condividerà con le isole VanuatuTanzania e Afghanistan, che hanno già confermato la propria partecipazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 05/09/2014

Tag:

Speciali

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito

speciali

Red Hat Open Source Day 2018, l’open source ridisegna il mondo