▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

Minsait: le banche accelerano sul cloud, ma solo il 12% è già a buon punto

Un rapporto indica che entro 2-3 anni quasi tutte le banche avranno sistemi in modelli SaaS o architetture cloud native

Cloud

Banche alla riscossa per affrontare uno scenario di mercato che presenta nuove insidie. Ma secondo il rapporto Ascendant Digital Maturity di Minsait, società del Gruppo Indra, solo il 12% delle banche ha migrato i propri processi di Core Banking nel cloud. Tuttavia, il rapporto mostra anche che l’80% delle banche è molto interessato o ha già sviluppato un piano completo per la modernizzazione dei sistemi più transazionali e la loro migrazione al cloud. Inoltre, più del 50% delle banche è a un livello elevato nello sviluppo di piani di ammodernamento e di modelli operativi cloud, confermando un’attenzione alla creazione di un ecosistema di dati cloud che permetta alle proprie entità di prendere decisioni data-driven più agili, per poter offrire servizi personalizzati.

Secondo il Rapporto Ascendant, che ha analizzato in profondità il grado di maturità dei sistemi tecnologici e operativi di oltre 100 aziende in Italia, Spagna, Europa meridionale e Portogallo in cinque aree critiche (commerciale, core, operazioni in tempo reale, corporate, ecosistemi di dati e luoghi di lavoro), la metà delle banche ha in atto piani per facilitare l’adattamento ai nuovi modelli di business e il 56% ha già raggiunto accordi con almeno un fornitore di cloud, mentre il 44% ha una strategia definita. Non solo: il rapporto prevede che entro 2-3 anni praticamente tutte le entità disporranno di sistemi in modelli SaaS o architetture Cloud native. Inoltre, l’80% delle aziende intervistate dispone di postazioni di lavoro virtualizzate e fa un uso intensivo di strumenti di collaborazione.

Grazie poi alla forte consapevolezza dell'importanza di proteggere i dati dei propri clienti, circa il 75% delle banche dispone di un modello di sicurezza e di un Cybersecurity Framework definiti, con processi di automazione dei controlli e monitoraggio continuo, il che dimostra il grado di impegno delle banche nel proteggere i propri clienti attraverso specifici modelli di governance della sicurezza.

Di fronte a consumatori sempre più esigenti che chiedono semplicità nelle loro transazioni, il mondo bancario deve utilizzare nuovi canali per ampliare la propria offerta e fidelizzare la clientela. La connessione tra il mondo fisico e quello digitale (concetto di Phygital) o l’incorporazione di tecnologie all’avanguardia come l’Intelligenza Artificiale, il Web3 o il metaverso consentiranno processi interni più flessibili e resilienti, nonché la creazione di nuovi prodotti in modo efficiente, allineando l'impegno del settore alla sostenibilità”, commenta Adriano Gerardelli, direttore del mercato Financial Services di Minsait in Italia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

AI Generativa

Speciale

Sviluppo Software

Speciale

L’Ecommerce B2B in azione

Speciale

Speciale Mobile World Congress 2024

Webinar

Dopo CentOS, tutto quello che serve sapere sull’evoluzione del sistema operativo enterprise

Calendario Tutto

Giu 18
IDC Security Forum 2024
Giu 18
Il supporto di Gyala per ottenere la compliance alla NIS2: tecnologia e consulenza
Lug 04
#MeseDelCanale - L'intelligenza artificiale come acceleratore strategico per il canale

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter