▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

HPE: serve più data maturity

Un’indagine globale rileva che c’è ancora strada da fare: il livello medio rilevato in Italia è di 2,6 su 5, in linea con il dato globale, ma solo il 3% delle realtà è sul gradino più alto

Trasformazione Digitale Cloud

La mancanza di data maturity, intesa come capacità di creare valore dai dati, sta ostacolando sia il settore privato sia quello pubblico nel raggiungimento di obiettivi chiave come l'aumento dei ricavi o il progresso nella sostenibilità ambientale. Lo rileva un’indagine per Hewlett Packard Enterprise condotta da YouGov su oltre 8.600 decision maker di tutti i settori privati e pubblici in 19 Paesi tra cui l’Italia.

In sintesi, è emerso che il livello medio di data maturity è di 2,6 su una scala di 5, con solo il 3% delle aziende che raggiunge il livello di maturità più elevato, con il dato relativo all’Italia che riflette quello globale.


Mancano capacità di gestione dei dati

Il sondaggio si basa su un modello di maturità sviluppato da HPE, che valuta la capacità di un'organizzazione di creare valore dai dati sulla base di criteri strategici, organizzativi e tecnologici. Il livello di maturità più basso (1) è chiamato "data anarchy": a questo livello, i pool di dati sono isolati l'uno dall'altro e non vengono analizzati sistematicamente per generare insight o risultati. Il livello più alto (5) è chiamato “data economics”: a questo livello, un'organizzazione sfrutta strategicamente i dati per ottenere risultati, sulla base di un accesso unificato a fonti interne ed esterne che vengono analizzate con sistemi di analytics avanzati e di intelligenza artificiale.

I risultati del sondaggio rivelano che il 14% delle organizzazioni si trova al livello di maturità 1 (data anarchy), il 29% al livello 2 (data reporting), il 37% al livello 3 (data insights), il 17% al livello 4 (data centricity) e solo il 3% è al livello 5 (data economics). In Italia si registrano dati simili: data anarchy 13%, data reporting 31%, data insights 34%, data centricity 17%, data economy 4%.

La mancanza di capacità di gestione e valorizzazione dei dati, a sua volta, limita la capacità delle organizzazioni di raggiungere obiettivi chiave come l'aumento delle vendite (30%), l'innovazione (28%), il miglioramento della customer experience (24%), il miglioramento della sostenibilità ambientale (21%) e l'aumento dell’efficienza interna (21%). Per quanto riguarda l’Italia sono stati rilevati i seguenti dati: aumento delle vendite 34%, innovazione 32%, miglioramento della customer experience 23%, il miglioramento della sostenibilità ambientale 17%, l'aumento dell’efficienza interna 20%.


Claudio Bassoli, Presidente e CEO di Hewlett Packard Enterprise Italia

Colmare i gap strategici, organizzativi e tecnologici

Il sondaggio fornisce una visione dettagliata dei gap strategici, organizzativi e tecnologici che le organizzazioni devono colmare per sfruttare i dati come asset lungo tutta la value chain. Tra le principali evidenze, solo il 13% degli intervistati afferma che la data strategy della propria organizzazione è una parte fondamentale della strategia aziendale; quasi la metà degli intervistati (48% - in Italia 33%) afferma che la propria organizzazione non alloca alcun budget per iniziative relative ai dati o finanzia solo occasionalmente iniziative relative ai dati tramite il budget IT; solo il 28% (in Italia il 29%) degli intervistati ha confermato che la propria organizzazione ha un focus strategico su prodotti o servizi data-driven; e infine quasi la metà degli intervistati afferma che le proprie organizzazioni non utilizzano metodologie come il machine learning o il deep learning, ma si affidano a fogli di calcolo (29% - in Italia 34%) o business intelligence e report preconfezionati (18% - in Italia 15%) per l'analisi dei dati.


Serve un controllo su cloud ed edge

Una caratteristica legata a un basso livello di data maturity è che non esiste un'architettura globale di dati e analisi: i dati sono isolati in singole applicazioni o posizioni. Questo è il caso del 34% (in Italia 39%) degli intervistati. D'altra parte, solo il 19% (in Italia 14%) ha implementato un data hub o fabric centrale che fornisce accesso unificato ai dati in tempo reale in tutta l'organizzazione e un altro 8% (in Italia 13%) afferma che questo data hub include anche fonti di dati esterne.

Considerato che le fonti di dati sono sempre più distribuite tra cloud ed edge, la maggior parte degli intervistati (62% - in Italia 63%) afferma che è strategicamente importante avere un alto grado di controllo sui propri dati e mezzi per estrarne valore. Più della metà dei rispondenti (52% - in Italia 48%) teme che i soggetti che detengono i monopoli dei dati abbiano un controllo eccessivo sulla loro capacità di creare valore e il 39% (in Italia 26%) sta rivalutando la propria strategia cloud a causa dell'aumento dei costi (42% - in Italia 40%), delle preoccupazioni sulla sicurezza (37% - in Italia 26%), della necessità di un'architettura più flessibile (37% - in Italia 29%) e della carenza di controllo sui propri dati (32% - in Italia 26%).


“Esiste un ampio consenso sul fatto che i dati abbiano un enorme potenziale per far progredire il modo in cui viviamo e lavoriamo. Tuttavia, liberare questo potenziale richiede un cambiamento nelle strategie di trasformazione digitale delle organizzazioni. È dunque necessario che mettano i dati al centro dei loro percorsi di trasformazione per colmare le lacune attuali, rafforzare la loro autonomia e consentire la collaborazione tra ecosistemi di dati", commenta Claudio Bassoli, Presidente e CEO di Hewlett Packard Enterprise Italia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Download

Kaspersky Container Security: una vera protezione per le piattaforme a container

Monografia

Il nuovo hybrid working

Evento

L'Intelligenza Artificiale. Ma sul serio.

Speciale

Speciale Smart City

Reportage

CyberTech Europe 2023

Calendario Tutto

Dic 12
Zscaler One True Zero Live Roadshow - Milano
Dic 13
Webinar Acronis - La miglior difesa… è la “nuova” difesa.
Dic 14
Passepartout - La gestione del magazzino e la logistica delle merci in Mexal

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter