Giovani imprenditori, 1 su 2 prevede espansione all’estero

9 giovani imprenditori su 10 ritengono che il passaggio generazionale sia da affrontare anche tra i dipendenti.

Mercato e Lavoro
Li chiamano giovani imprenditori perché non hanno ancora compiuto 40 anni eppure quasi il 70% di loro lavora da 10 anni o più. 1 su 5 inoltre è un imprenditore di prima generazione e ha scelto di esserlo per passione.
“Figli di papà”? Niente affatto, 1 su 3 dopo essersi laureato ha conseguito un master e più del 60% ha preferito farsi le ossa in altre realtà, mentre una buona parte è volato all’estero per motivi di studio (il 42%) o per esperienze lavorative (17%). Chi avrebbe ereditato un’azienda di famiglia ha sì privilegiato studi pertinenti all’attività già avviata dai predecessori ma non si è seduto sugli allori: l’84 dei giovani imprenditori ha infatti preferito maturare esperienza lontano dalla fabbrica di famiglia, una palestra che per la quasi totalità degli intervistati si è rivelata decisamente utile una volta fatto ingresso nella propria attività.
È la fotografia scatta dal Centro Studi di Confimi Industria che ha intercettato imprenditrici e imprenditori under40 della Confederazione delle piccole e medie imprese del manifatturiero italiano privato. Parlando della situazione attuale le nuove leve del Made in Italy sembrano abbastanza soddisfatte del ruolo che esercitano in azienda: il 97,2% dichiara di avere autonomia decisionale nel ruolo che ricopre. Posizioni che sembrano rispecchiare anche le reali aspettative è così almeno per l’86%. Inevitabile “la pressione” del contesto familiare: avvertita in maniera piuttosto forte da 1 su 4.
Il campione si frammenta se si parla del futuro. Del resto, la nuova generazione – inutile negarlo – è entrata in azienda in un periodo storico caratterizzato dal susseguirsi di crisi di diversa natura: quella finanziaria del 2008 che è durata quasi 5 anni, l’instabilità governativa, la pandemia, la crisi energetica solo per citarne alcune. A parlare dei dati raccolti dal Centro Studi in una indagine condotta nel mese di dicembre 2021 è Fabio Ramaioli, Direttore Generale di Confimi Industria. “Le previsioni sul futuro della manifattura inducono a una seria riflessione considerato anche le numerose difficoltà di scenario: poco più di un giovane imprenditore su tre (il 33,9%) ha pensato di vendere o cedere l'attività e poco più di 1 su 4 lo farebbe se fosse l’unico titolare. C’è invece quasi un 40% (37,3%) che avrebbe effettuato una fusione”.
I più giovani si sa vorrebbero lasciare fin da subito la propria impronta e, sul podio delle azioni più condivise per farlo figurano: l’espansione all’estero (50%), l’apertura di nuove filiali in Italia (40%), lo sviluppo di nuovo prodotti o di una diversificazione della produzione stessa (86,7%).
Passaggio generazionale? Tre gli scogli maggiori: il riconoscimento della leadership da parte dei collaboratori, l’assenza di deleghe da parte dei predecessori e, su tutte, la mancanza di autonomia decisionale su quelle tematiche dove la cultura è maggiore rispetto ai familiari, come può essere il caso della tecnologia.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Red Hat Summit Connect e Open Source Day

Download

La nuova cyber security: cosa ne pensano i CISO italiani

Speciale

Internet of Things in Italia: Sviluppo e Novità

Monografia

La sostenibilità al centro

Speciale

Software Enterprise

Calendario Tutto

Feb 16
Commvault Connections on the Road | Milano
Mar 08
DIDACTA 2023: Omada SDN per il settore Education - 8/10 Marzo
Mar 22
IDC Future of Work
Giu 08
MSP DAY 2023 - 8/9 Giugno

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter