Toshiba si divide in tre aziende

Due spinoff per Toshiba, che come altri conglomerati cede alle spinte "separatiste" dei suoi azionisti

Tecnologie
Toshiba ha deciso di dividersi in tre aziende distinte. L'obiettivo dichiarato è, come sempre in questi casi, "creare valore per gli azionisti" in una operazione che, secondo la stessa società, per la prima volta nella storia giapponese viene messa in campo da un'azienda di così grandi dimensioni. Una operazione di rottura con il passato era stata chiesta a gran voce dagli azionisti di Toshiba, considerando che negli ultimi anni la società è passata attraverso molte difficoltà, compreso uno scandalo finanziario.

L'idea di fondo, come in quasi tutti gli spinoff, è quella di creare società più piccole, agili e focalizzate dell'azienda di partenza. La maggiore focalizzazione sui mercati di riferimento dovrebbe garantire risultati finanziari migliori, anche grazie alla riduzione dei costi derivante dalle minori dimensioni rispetto alla ex casa madre. Tanto che per Satoshi Tsunakawa, CEO ad interim di Toshiba, la divisione in tre aziende distinte è proprio un modo per "rafforzare il posizionamento competitivo" di Toshiba. Perché ciascuna delle nuove realtà "ha bisogno di maggiore flessibilità per cogliere le opportunità del suo proprio mercato".

La divisione di Toshiba darà vita, nella seconda metà del 2023, a due aziende produttive e una holding finanziaria. Quest'ultima manterrà la denominazione di Toshiba, mentre le altre assumeranno nuovi nomi che però, al momento, non sono stati ancora definiti.
pexels photo 8296990L'azienda principale che nascerà dagli spinoff per ora si chiama genericamente Infrastructure Service Company e comprenderà le divisioni Energy Systems & Solutions, Infrastructure Systems & Solutions, Building Solutions, Digital Solutions, Battery dell'attuale Toshiba. Sarà quindi attiva in mercati come energia, trasporti, rinnovabili. Ma anche nel campo dei sistemi IT per le Pubbliche Amministrazioni e le grandi imprese. IL giro d'affri previsto per l'anno fiscale 2021 è di quasi 2.100 miliardi di yen.

Lo spinoff minore riguarda quella che al momento viene definita Device Company e che comprende le attività della divisione Electronic Devices & Storage Solutions. La nuova società sarà quindi attiva nei mercati dei semiconduttori e dello storage. Con un giro d'affari previsto di 870 milioni di yen in questo anno fiscale. Va peraltro ricordato che le attività propriamente "device" - la produzione di PC - di Toshiba sono già fuoriuscite dalla casa madre anni fa.

Toshiba non è l'unico grande conglomerato che si sta separando in aziende più piccole per accontentare gli azionisti più aggressivi e comunque cercare di crescere meglio. Di recente, anche General Electric ha annunciato la divisione in tre aziende. Lo spinoff di GE Healthcare porterà alla nascita di una impresa focalizzata sulla medicina di precisione. Altro spinoff poi per la combinazione delle divisioni GE Renewable Energy, GE Power, GE Digital, che insieme formeranno una nuova società dedicata alla transizione energetica. Infine la "vecchia" GE, che manterrà solo le attività legate al settore aerospaziale.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Per una IT sostenibile

Speciale

Osservatorio Innovazione e Rilancio

Webinar

Dall’endpoint protection al servizio gestito: come evolve la cybersecurity

Webinar

Cloud ad alta velocità: la base della vera Trasformazione Digitale

E-Book

Le regole dell’ufficio ibrido

Calendario Tutto

Nov 30
WEBINAR FLOWEE - Incrementa il business dei tuoi clienti grazie ai processi collaborativi e alla gestione documentale di Flowee Pratica Digitale
Dic 14
#LetsTalkIoT - IoT standards, regulations and best practices

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori