Confcommercio: da inflazione rischi per la ripresa

Confcommercio: "Gli impulsi inflazionistici, inizialmente concentrati nell’energetico, cominciano a trasferirsi su altre filiere".

Mercato e Lavoro
"Il dato di settembre dell'inflazione, oltre che largamente atteso (la stima era 2,7%) consolida alcuni timori che avevamo già avanzato nel nostro report di luglio: gli impulsi inflazionistici, inizialmente concentrati nell’energetico, cominciano, infatti, a trasferirsi su altre filiere, come segnala l’incremento registrato dalla componente di fondo che supera l’1%, con una tendenza che non sembra destinata a esaurirsi immediatamente.
Al di là del sensibile aumento atteso per il mese di ottobre, legato al comparto energetico regolamentato, sono presenti a livello globale tensioni sulle materie prime e strozzature nella logistica che non possono essere completamente risolte nel breve termine.
Questi elementi amplificano serie preoccupazioni sull’intensità e sulla durata dell’inflazione e dei riverberi che potrà avere sulla ripresa attraverso una riduzione del tasso di crescita dei consumi a causa della eventuale riduzione del potere d’acquisto dei redditi e della ricchezza detenuta in forma liquida". Questo il commento dell’Ufficio Studi Confcommercio ai dati Istat di oggi.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori