Puglia: il Distretto Produttivo dell’Informatica a caccia di startup IT innovative

Inizia il primo esperimento di open innovation esteso al territorio regionale. Fiore: “Promuoviamo una grande contaminazione di saperi per continuare ad accelerare lo sviluppo dell’ecosistema IT della Puglia”.

Mercato e Lavoro
Il Distretto Produttivo dell’Informatica pugliese lancia un esperimento di open innovation esteso al territorio regionale e apre gratuitamente per tre anni l’associazione alle startup innovative di Puglia dell’information technology. Dopo i progetti di cooperazione tra le imprese pugliesi con i grandi player nazionali promossi negli scorsi anni, il Distretto estende alle quasi 200 startup innovative pugliesi del settore IT l’opportunità di confrontarsi con le aziende associate per condividere i saperi e accelerare l’innovazione. Un’opportunità di crescita oltre che per le circa cinquanta imprese pugliesi associate, anche per tutti gli altri aderenti al Distretto (associazioni, consorzi, enti di ricerca e università regionali) che, in totale, esprime un fatturato complessivo superiore al mezzo miliardo di euro e oltre 5.000 addetti.
L’idea nasce dalle positive sperimentazioni che alcune imprese aderenti al Distretto hanno già avviato mettendo a disposizione di piccole realtà innovative spazi e know how. Si va da ‘IC406’ di Auriga, un campus con un programma di incubazione dedicato alle startup digitali dei settori fintech, smart cities, gaming, sharing economy, foodtech, all’esperienza maturata da Exprivia che ha incubato una startup pugliese e investito nel capitale di una realtà senese, mettendo a disposizione struttura, programmi di crescita e competenze.
«È ormai opinione comune – spiega Vincenzo Fiore, componente del Comitato di Distretto e responsabile delle iniziative dell'ambito ‘Startup e Open Innovation’che la condivisione dei saperi e l’apertura a professionalità e idee esterne alle imprese è il modo migliore per non perdere terreno nei processi di innovazione, diventati sempre più rapidi e complessi. A prescindere dalla forma che le collaborazioni con altre realtà possono assumere, è la contaminazione dei saperi la spinta che può permettere alle aziende di continuare a innovare senza dover far affidamento solo sulle proprie forze. Il Distretto ha deciso di lanciare questa call alle realtà innovative offrendo in cambio le competenze che le aziende associate con più esperienza possono offrire».
Il Distretto accoglierà, dunque, le richieste delle start up innovative pugliesi delle tecnologie informatiche che rispondano ai requisiti indicati dal Ministero dello Sviluppo economico. Sono tre le startup che hanno già colto l’occasione. La barese ‘Ioagri’ ha realizzato una piattaforma informatica per aiutare gli imprenditori agricoli a monitorare la produttività e la resa economica delle attività colturali e a gestire l’azienda. ‘One Health Vision’ è la startup di Lecce attiva nel settore della sanità digitale che propone prodotti e servizi per il trattamento e la riabilitazione di numerose patologie e disturbi. La terza è ‘The Portal’ di Barletta che progetta e sviluppa tecnologie e software per la realtà virtuale con soluzioni utilizzabili contemporaneamente da più utenti.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori