Lavoro, Unimpresa: in prossimi 5-7 anni a rischio 9 milioni occupati in Italia

Il consigliere nazionale di Unimpresa Giovanni Assi: «Occorre un patto per aiutare le imprese a creare nuovi mercati, serve un patto per il lavoro flessibile»

Mercato e Lavoro
«È necessario un vero e proprio Patto per il lavoro che sia in grado di adeguarsi al “Mondo 4.0” ovvero a quello che metterà a rischio nel nostro Paese, nei prossimi 5-7 anni, quasi 9 milioni di posti di lavoro: un Mondo in cui le imprese superstiti inventano nuovi mercati dando il via ad una nuova catena di valore e di nuove competenze in cui “ieri” diventa obsoleto». È quanto sostiene, il consigliere nazionale di Unimpresa, Giovanni Assi – in un documento pubblicato sul sito dell’associazione – secondo il quale «occorre un lavoro flessibile esattamente come è flessibile il mercato del lavoro in cui le imprese operano, con una revisione totale del decreto dignità che con l’irrigidimento delle norme ha solo contribuito a togliere lavoro (e la dignità) a molti lavoratori».
Secondo Assi «serve un vero impulso a quel welfare aziendale ancora oggi troppo poco diffuso nelle nostre realtà imprenditoriali, soprattutto nelle micro e piccole imprese, spaventate da un sistema di attuazione troppo complesso e soprattutto ancora oggi troppo limitato, che dia invece ai lavoratori ed alle proprie famiglie un welfare che possa garantire loro il presente ed il futuro dei loro figli». 
Nella sua analisi, il consigliere nazionale di Unimpresa osserva, poi, che, «serve una revisione degli ammortizzatori sociali, che dia alle aziende e ai loro lavoratori la serenità di poter per i primi trattenere le proprie professionalità anche nei periodi di contrazione dell’attività senza costi aggiuntivi occulti, e per i secondi il mantenimento del proprio reddito che invece si sono visti dimezzati oltre che differiti di mesi con le ultime casse integrazioni, un sistema che preveda nei periodi di cassa integrazione dei percorsi di riqualificazione e specializzazione delle proprie risorse attraverso percorsi formativi di semplice ed immediata attuazione senza dover invece anche qui procedere a “spaventosi” meccanismi burocratici come previsti dal neo Fondo nuove competenze che segnerà l’ennesimo flop di una misura a beneficio di pochi». 
Secondo Assi «serve infine un mercato del lavoro che possa rendere le nostre aziende più competitive anche sui mercati esteri con un taglio strutturale (più di 6 o 12 mesi) delle aliquote contributive, con una unica al 10% rispetto all’attuale media del 30%. Questo serve, un Patto per il Lavoro 4.0 che faccia trovare pronte ai blocchi le nostre aziende all’ormai prossimo (speriamo) Start».
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

La nuova Sanità post-pandemia

Speciale

Il New Normal dei Data Center

Speciale

La Cyber Security del new normal

Webinar

Multicloud management: gestire le "nuvole" senza problemi

Webinar

MITRE ATT&CK: una guida chiara per la cyber security aziendale

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori