Inflazione, Confcommercio su dati Istat: peggiore delle attese

Confcommercio: "Si conferma fragilità della domanda nella filiera del turismo".

Mercato e Lavoro
"Il dato di settembre è peggiore delle attese (-0,6% congiunturale contro una stima di -0,2%) e l’errore è quasi interamente dovuto alle diminuzioni dei prezzi osservate negli ambiti della ricettività e della ristorazione che di solito in settembre mostrano leggeri incrementi. Questo è un pessimo segnale che conferma la perdurante fragilità della domanda nella filiera del turismo". È il commento dell’Ufficio Studi Confcommercio ai dati sull'inflazione a settembre diffusi dall'Istat.
"La pressione ribassista della deflazione – continua la nota - comincia a leggersi anche nell'andamento della componente di fondo che si avvicina pericolosamente allo zero. Il ritorno a quotazioni delle materie prime energetiche meno depresse, all'origine dei sensibili aumenti decisi per il prezzo dell’energia e del gas da ottobre, potrebbe contenere la tendenza deflazionistica. Nel confronto annuo la variazione dei prezzi di gas ed elettricità resterebbe comunque negativa".
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

MySQL Day 2021 Digital Edition

Webinar

Nutanix Week 2021

Download

L'ufficio ovunque: preparare l'IT per il lavoro ibrido

Webinar

Così il ransomware mette al tappeto backup… e ripartenza. Cosa fare per evitare guai

Webinar

L'IT agile sposa gli analytics

Calendario Tutto

Apr 28
Webinar Cybereason: Simulazione Live di un Cyberattack
Mag 13
IDC Future of Digital Infrastructure Digital Forum 2021
Mag 13
MySQL Day 2021 Digital Edition

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori