Effetti della pandemia: anche in Italia si accelera l’abbandono del denaro contante

Una ricerca di Paysafe rivela che oggi il 43% degli italiani non utilizza più cash, mentre il 31% utilizza i portafogli digitali per trasferire denaro ad amici e parenti

Tecnologie Mercato e Lavoro
La pandemia Covid-19 ha costretto molte persone a cambiare significativamente il modo in cui vivono, lavorano e comunicano. Questo ha inevitabilmente influenzato anche le modalità con cui le persone pagano, non solo per beni e servizi, ma anche come inviano denaro ad amici e parenti, come rivela una ricerca di Paysafe, piattaforma attiva nel settore dei pagamenti.

La ricerca “Lost in Transaction”, condotta online nella scorsa primavera su 8.000 persone di sette Paesi tra cui l’Italia, ha rivelato che quasi un terzo (27%) dei consumatori italiani ha dichiarato di aver trasferito denaro ad amici o parenti una o due volte durante il primo mese di lockdown. Un ulteriore 15% degli italiani ha effettuato più di due trasferimenti nello stesso periodo, con l’1% che è arrivato a farlo almeno 11 volte. Tuttavia non hanno utilizzato mezzi fisici per farlo, dal momento che il 43% delle persone in Italia afferma di aver ridotto la gestione dei contanti a causa della crisi sanitaria.

Di conseguenza, il trasferimento di denaro online e i servizi di portafogli digitale come Skrill stanno diventando il canale scelto dai consumatori. Con la necessità di trasferimenti di denaro internazionali destinati ad aumentare a causa delle restrizioni globali nella circolazione, il 31% degli intervistati in Italia ha dichiarato di aver utilizzato i portafogli digitali come il modo più rapido, efficace e conveniente per trasferire denaro all’estero da quando è iniziato il lockdown. Solo l’11% degli italiani ha dichiarato che avrebbe utilizzato un metodo di pagamento fisico per inviare denaro all’estero durante la pandemia.

La ricerca di Paysafe ha evidenziato ulteriori modalità con cui il Covid-19 ha stimolato un cambiamento digitale nel modo in cui i consumatori acquistano e pagano, con il 44% degli italiani che ha affermato che ridurrà l’utilizzo di contanti in futuro. In effetti, quasi la metà (46%) degli intervistati italiani al sondaggio afferma che farà più acquisti online, anche quando i lockdown saranno stati completamente revocati.

Il Covid-19 continua a essere un catalizzatore per il cambiamento nell’intero settore dei pagamenti. I consumatori sembrano passare alle offerte digitali, segnalando un netto cambiamento nelle preferenze dei consumatori per metodi di pagamento veramente senza intoppi. Anche quando riapriranno le opzioni di trasferimento di denaro basate sui contanti, è improbabile che le preferenze verso le opzioni digitali, indotte dalla pandemia, diminuiranno”, ha commentato Lorenzo Pellegrino, CEO di Skrill, Neteller e Income Access di Paysafe.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori