Sondrio: la CdC sostiene il rilancio delle attività imprenditoriali

Previsti contributi nello sviluppo dell’impresa 4.0, attraverso la realizzazione di progetti mirati tra l'altro all’introduzione di nuovi modelli di business 4.0.

Mercato e Lavoro
La Camera di commercio di Sondrio mette a disposizione delle imprese un pacchetto di sostegno per il rilancio dell’attività in funzione anti “Covid-19”.
Sono stati pubblicati 3 avvisi per l’assegnazione di contributi nei seguenti ambiti:

- Sviluppo dell’impresa 4.0,
- Comunicazione e promozione dell’offerta turistica,
- Sviluppo sui mercati internazionali.
L’apertura dei termini per la presentazione delle domande di contributo è fissata per il prossimo 1 luglio.

Per quanto riguarda lo sviluppo del modello dell’impresa 4.0, sono disponibili 56.000 €.
L’iniziativa è finalizzata a:

- sviluppare la capacità di collaborazione tra le imprese e tra esse e soggetti altamente qualificati nel campo dell’utilizzo delle tecnologie I4.0, attraverso la realizzazione di progetti mirati all’introduzione di nuovi modelli di business 4.0 e modelli green oriented;
-  promuovere l’utilizzo di servizi o soluzioni focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali in attuazione della strategia definita nel Piano Transizione 4.0;
- favorire interventi di digitalizzazione ed automazione funzionali alla continuità operativa delle imprese durante l’emergenza sanitaria da Covid-19 e alla ripartenza nella fase post-
emergenziale.
Possono accedere ai contributi le imprese di tutti i settori economici.
Il contributo concesso è pari al 70% delle spese ammissibili, con un massimo di 10.000 €.

Per le iniziative di promozione turistica, sono disponibili 50.000 € per l’assegnazione di contributi per progetti di comunicazione dell’offerta turistica, con particolare attenzione allo sviluppo della presenza dell’impresa sul web e nell’ambito del digitale. In particolare, sono ammissibili a contributo: consulenza e servizi per l’aggiornamento delle competenze in materia di promozione digitale dell’attività dell’impresa, lapredisposizione piani di marketing e comunicazione turistica, il rafforzamento della componente telematica dell’impresa, l’ottimizzazione e sviluppo della presenza sul web e sui canali “social”, la progettazione di campagne promozionali. Possono accedere ai contributi le imprese con codice di attività del settore turistico. Il contributo concesso è pari al 50 % delle spese ammissibili con un massimo di 2.500 €.

Per il sostegno al commercio estero, sono disponibili 36.000 € per l’assegnazione di contributi per sostenere l’individuazione di possibilità di mercato in aree meno toccate dall’emergenza legata alla diffusione del “Covid-19” e nei paesi che per primi si apriranno di nuovo agli scambi internazionali. Fra le iniziative ammissibili a contributo si evidenziano l’inserimento in azienda di un temporary export manager (TEM), analisi e ricerche di mercato, formazione imprenditoriale e del personale, potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing in lingua straniera -compresa la progettazione, predisposizione,revisione, traduzione dei contenuti di cataloghi/ brochure/presentazioni aziendali- l’ottenimento o rinnovo delle certificazioni di prodotto necessarie all’esportazione nei Paesi esteri, servizi di assistenza specialistica sul versante legale, organizzativo, contrattuale o fiscale legato all’estero, con specifico riferimento alle necessità legate all’emergenza sanitaria da Covid-19.

Possono accedere ai contributi le imprese di tutti i settori economici di attività. Il contributo concesso è pari al 70 % delle spese ammissibili, con un massimo di 3.500 €. E’ stata inoltre attivata una misura operativa per l’assegnazione di contributi a favore dei consorzi fidi che garantiscono i prestiti alle imprese previsti dal decreto legge n. 23 del 8 aprile 2020, nell’ambito del "Protocollo credito” sottoscritto fra Regione Lombardia, Provincia, Camera di commercio, Consorzio BIM, Comune di Sondrio, banche locali, associazioni di categoria e consorzi fidi, in particolare:
- prestiti di Microliquidità, di importo fino a 30.000 € e durata fino a 120 mesi, con garanzia del confidi del 100%.
- prestiti di Liquidità, di importo fino a 150.000 € e durata fino a 72 mesi, con garanzia del confidi del 90 %.
- Rifinanziamento e nuova liquidità, di importo fino a 250.000 € e durata fino a 72 mesi, con garanzia del confidi 80 %.

La misura operativa ha una dotazione iniziale di 150.000 € che sarà aumentata di altri 500.000 € grazie allo stanziamento straordinario assicurato dal Consorzio BIM.
L’obiettivo è quello di giungere ad agevolare almeno 1.500 prestiti a favore di altrettante imprese della provincia, entro il mese di dicembre di quest’anno.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Obiettivo PMI Italiane

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori