Fatturazione Elettronica: nel 2019 oltre 2 miliardi di fatture per 3,9 milioni di imprese

Grazie all'introduzione della fatturazione elettronica, si è registrato un aumento dei versamenti (+3,6% rispetto al 2018).

Mercato e Lavoro
A un anno e mezzo dall'introduzione dell'obbligo di fatturazione elettronica tra privati, l'Osservatorio Digital B2B della School of Management del Politecnico di Milano fa il punto di quanto finora ottenuto dal nuovo sistema.
Sono transitate complessivamente attraverso il Sistema di Interscambio (SdI) 2,09 miliardi di fatture elettroniche, inviate da 3,9 milioni di imprese, il 78% del totale. Il 55% era destinato a soggetti privati (B2b), il 44% a consumatori finali (B2c) mentre l’1% alla PA (B2g). Le aziende hanno avvertito i maggiori benefici nel ciclo passivo, con un sensibile risparmio di tempi e di costi, una netta riduzione degli errori umani e un miglioramento generale della fluidità dei processi.Inoltre, grazie all'introduzione della fatturazione elettronica, si è registrato un aumento dei versamenti (+3,6% rispetto al 2018), segno che il contrasto all'evasione sta cominciando a dare i primi frutti.
“Durante questo periodo di emergenza sanitaria, in cui dipendenti e collaboratori si sono trovati a non poter più recarsi sul luogo di lavoro, è emersa l’importanza delle tecnologie digitali, che si sono rivelate necessarie per garantire la continuità operativa delle imprese anche nei rapporti esterni. È sempre più importante l’interoperabilità digitale fra le imprese, sia su processi strutturati (come la Fatturazione Elettronica) che su processi destrutturati (come la Firma di un Contratto). Le realtà che negli ultimi anni hanno saputo investire nella trasformazione in chiave digitale dei propri processi si sono trovate in una situazione di notevole vantaggio: in poco tempo hanno saputo creare le condizioni di lavoro necessarie perché il business non si arrestasse. Oggi più che mai, a causa della pandemia, è importante che le aziende – soprattutto le PMI, ancora in ritardo rispetto alle imprese più strutturate – investano nella digitalizzazione e nell’automazione dei processi interni e dei processi estesi. Un aspetto da non sottovalutare è l'integrazione: il sistema è in grado di funzionare a pieno regime quando gli strumenti consentono di dialogare perfettamente tra loro. In questo contesto è importante affidarsi ad un partner in grado di indirizzare le soluzioni adatte per la organizzazione come ad esempio: Processi Digitali, Firma Elettronica, Mobile Automation, Robotic Process Automation e altre tecnologie abilitanti che permettono di ottenere risultati sorprendenti nel percorso di trasformazione digitale.”, osserva Pablo Pellegrini, Business Unit Manager Document Management, Workflow & Services di SB Italia, Digital Innovation Company specializzata in soluzioni IT.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Obiettivo PMI Italiane

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori