AWS agli sviluppatori: badate ai fondamentali

Per il CTO Werner Vogels il messaggio di AWS agli sviluppatori è chiaro: elasticità significa poter contare su basi solide

Cloud
Il mantra del post-Covid è quanto la digitalizzazione sia stata importante durante le fasi di emergenza pandemia. Grazie alle tecnologie digitali ed al cloud, molte aziende si sono mantenute operative. E molte altre hanno potuto mettere in campo nuove applicazioni e nuovi servizi utili. La logica conseguenza sarà una accelerazione verso il cloud da parte delle imprese. Ma un richiamo viene paradossalmente - ma solo in apparenza - dall'hyperscaler per antonomasia: AWS.

Ovviamente AWS conta sulla transizione al cloud delle imprese. Durante l'AWS Summit Online, però, il suo CTO Werner Vogels lancia alcuni spunti di riflessione che derivano, in parte, proprio da come le aziende hanno sfruttato i servizi cloud nella fase di emergenza. In condizioni cioè che, come è stato sottolineato da più parti, non sono quelle ideali per mettere strategicamente in campo nuovi elementi dell'IT. Ma si impara anche dagli errori. E dalle cose che si potevano fare meglio.

"Abbiamo sempre sottolineato - spiega Vogels - che creare soluzioni è come costruire edifici: servono fondamenta solide. È ancora più vero in tempi come questi, in cui le soluzioni spesso sono costruite velocemente". Il richiamo è all'utilizzo di tutti i componenti e i servizi che AWS mette a disposizione, ovviamente secondo le necessità di ciascuno. In questo senso sono importanti i servizi cloud infrastrutturali ma anche le linee guida per lo sviluppo. Quindi le risorse che spaziano dalla Amazon Builders' Library al Well-Architected Framework. Sino al Well-Architected Tool.
aws wafDei buoni fondamentali applicativi permettono di realizzare servizi solidi. Poi però si pone un altro problema, particolarmente in evidenza nelle settimane della pandemia. Come ottimizzare i propri ambienti o servizi in modo che possano sopportare una eventuale crescita molto rapida dei carichi di lavoro. Anche qui il messaggio del CTO di AWS non è esplicito ma è chiaro. Ci sono funzioni di AWS che permettono di gestire la crescita applicativa senza far esplodere i costi. Però bisogna conoscerle e applicarle. Ancora una volta: riprendere le basi.

Werner Vogels sa bene che sembra strano parlare di fondamentali nel 2020. Ma ribadisce che "oggi i fondamentali sono un elemento chiave per il design applicativo". Non considerandoli bene, come sviluppatori indipendenti o come team IT interno alle imprese, si rischia di restare delusi nella corsa al cloud. Su cui oggi ci sono pochi dubbi: "In questi mesi - mette in evidenza Vogels - c'è stato un cambiamento epocale nel modo in cui si considera non solo la tecnologia in sé ma il ruolo che la tecnologia può avere".

Gli esempi positivi di aziende che hanno puntato tutto sul cloud AWS in nome dell'elasticità sono diversi, grandi e piccoli. La svedese KRY è già da tempo un caso di studio per AWS nell'healthcare. Vogels cita anche Untold Studios, nel campo ancora relativamente poco "cloudificato" della produzione multimediale. O gli italiani di Filaindiana: da zero a un milione di utenti in una settimana circa grazie alla infrastruttura di AWS. Per Vogels sono esempi di come il cloud dia agility alle aziende di ogni dimensione. A patto di avere creatività e un buon team di sviluppo.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori