Logo ImpresaCity.it

Michael Dell alza (di poco) la posta

Pressato dal rivale Carl Icahn, il fondatore di Dell ha aumentato di 10 centesimi per azione la propria proposta. Il voto è posticipato al 2 giugno.

Redazione Impresa City

Si fa veramente infinita la storia che circonda il destino azionario di Dell, dopo la decisione di uscita dalla quotazione in Borsa presa all’inizio del 2013. Abbiamo riferito dei ripetuti tentativi di Carl Icahn, azionista di minoranza della società, di acquisire la proprietà attraverso un’offerta d’acquisto che ha significativamente alzato quella iniziale, di 13,65 dollari per azione proposta dal fondatore Michael Dell, spalleggiato dal fondo Silver Lake.
Il pressing serviva per far pendere dalla propria parte una decisione sulla vendita che il consiglio degli azionisti avrebbe dovuto prendere il 24 luglio. Michael Dell ha però, in extremis, rilanciato, portando la propria offerta a 13,75 dollari per azione, che corrisponde a un prezzo complessivo di acquisto pari a 24,4 miliardi di dollari.
Questa decisione ha spinto il comitato speciale incaricato di supervisionare la procedura di acquisto a rinviare la decisione finale al 2 agosto. Icahn è ancora in vantaggio sul prezzo proposto, pari a 14 dollari per azione, ma pesa per lui la convinzione che l’azienda non debba uscire dalla Borsa. Se si scegliesse questa strada, occorrerebbe dare avvio a un processo di ristrutturazione più complesso.
Pubblicato il: 25/07/2013

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud