Logo ImpresaCity.it

MPI esportatrici: il 69% assume personale

Secondo uno studio di Confartigianato le MPI esportatrici segnano un +92% di produttività rispetto a non esportatrici e hanno una dimensione doppia della media.

Redazione Impresacity

Nel report dell’Ufficio Studi di Confcartigianato ‘Trend dell’export ad inizio 2020. Il ruolo delle piccole imprese e i rischi globali’ viene sottolineato il ruolo di protagoniste sui mercati internazionali delle micro e piccole imprese. In Italia, economia con la più elevata propensione ad esportare del sistema di MPI, le micro e piccole imprese esportatrici presentano migliori performance strutturali, evidenziando che l’esposizione alla concorrenza internazionale seleziona imprese relativamente più strutturate e più efficienti.
L’analisi combinata dei dati strutturali dell’Istat con quelli forniti da Eurostat sulle esportazioni per classi dimensionali, evidenzia che le MPI manifatturiere esportatrici presentano una dimensione media di 10,6 addetti per impresa, a fronte dei 3,7 addetti per MPI non esportatrice, il doppio della media di 5,2 euro per addetto. Il fatturato per addetto delle MPI che esportano è di 236 mila euro, il triplo dei 77 mila euro per addetto delle imprese che lavorano in esclusiva per il mercato interno. Va peraltro segnalato che tra quest’ultime prevalgono imprese interessate rapporti “di filiera”: nostre elaborazioni sui primi risultati del Censimento permanente delle imprese evidenziano il ricorso ad accordi di commessa il 68,9% delle micro e piccole imprese manifatturiere che hanno relazioni con altre imprese.
Utilizzano accordi di subfornitura il 58,7% delle MPI manifatturiere; quest’ampia platea di MPI rimane esposta ai segnali di prezzo e di standard provenienti dai mercati internazionali su cui operano direttamente i loro committenti.
I processi di crescita guidati dalla domanda estera sono ulteriormente rafforzati dalle condizioni di maggiore produttività delle MPI esportatrici. Una micro e piccola impresa manifatturiera esportatrice, infatti, registra un valore aggiunto per addetto pari a 58.900 euro, pressoché doppio (+92,1%) rispetto ai 30.600 euro per addetto di una impresa manifatturiera non esportatrice.
La presenza sui mercati esteri accentua la domanda di lavoro delle MPI. L’esame dei dati Unioncamere – ANPAL, Sistema Informativo Excelsior, 2018 evidenzia che il 69,4% delle micro e piccole imprese esportatrici – fino a 49 dipendenti – assume personale, a fronte del 49,9% delle MPI non esportatrici. In generale le imprese che esportano tendono ad assumere un maggior numero di figure professionali ad elevata specializzazione di carattere tecnico; inoltre la quota delle entrate di operai specializzati è del 20,8% per le imprese esportatrici contro il 13,9% di quelle non esportatrici.


Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 20/02/2020

Tag:

Speciali

Webinar

Smart working e OpenShift:

Speciale

Il Made in Italy del cloud