Logo ImpresaCity.it

L’export manifatturiero lombardo è di 91 miliardi in nove mesi

Corsa al manifatturiero made in Lombardy per USA e Corea del Sud. Sempre più alimentari lombardi in nord America, tessili in Austria, legno in Algeria, prodotti chimici in Svizzera, farmaceutici in Canada, gomma nella Rep. Ceca, computer nelle Filippine e apparecchi elettrici in Norvegia.

Redazione Impresacity

Manifatturiero lombardo nel mondo: un business che nei primi nove mesi del 2019 ha raggiunto i 91 miliardi e mezzo di euro di export, stabile rispetto allo scorso anno, rappresenta il 27% del totale italiano che è di 337 miliardi (+2,1%). Tra i principali settori, in crescita il farmaceutico che passa da 4,9 a 6 miliardi in un anno (+26%), la moda da 10 a 10,4 miliardi (+3,5%) e la gioielleria, da 619 a 674 milioni (+8,8%).
Germania, Francia ma anche Stati Uniti in forte aumento (+17,6%) sono le maggiori destinazioni delle esportazioni. Tra i primi 20 partner in crescita anche Corea del Sud (+10,3%), Austria (+4%), Paesi Bassi (+2,5%) e India (+2,3%).
“Il manifatturiero si conferma un traino per l’export nazionale e per quello lombardo - spiega Giovanni Da Pozzo, Presidente di Promos Italia – Nella regione, nei primi nove mesi del 2019, l’export ha superato i 91 miliardi di euro, rappresentando il 27% del totale italiano. L’obiettivo nel 2020 è far crescere ulteriormente questi dati, così come il numero di aziende esportatrici lombarde del settore”.
Macchinari, metalli, moda e chimica i prodotti lombardi più esportati. I macchinari raggiungono quasi i 17 miliardi (19,5% del totale). Seguono i prodotti in metallo (14,5 miliardi, 15,8%), la moda (10,4 miliardi, 11,4%) e i prodotti chimici (10 miliardi, 11,1%).
Sempre più alimentari lombardi arrivano negli Stati Uniti (+18,8%) e in Canada (+14%), tessili in Austria (+66,5%), legno in Algeria (+239,9%), prodotti chimici in Svizzera (+12,1%) ed Emirati Arabi Uniti (+10%), farmaceutici in Canada (+107,5%), petroliferi raffinati in Slovacchia e Bosnia-Erzegovina, gomma nella Rep. Ceca (+8,3%), metalli in India (+63,3%) e Russia (+22,8%), computer in Corea del Sud (+22,9%), apparecchi elettrici in Norvegia (+149%), macchinari in Corea del Sud (+30,9%) e Messico (+14,1%), mezzi di trasporto in Portogallo (+63,1%), prodotti delle altre attività manifatturiere nei Paesi Bassi (+30,5%) ed Emirati Arabi Uniti (+29,3%) e, in particolare, i mobili raggiungono sempre di più Corea del Sud (+22,8%), i gioielli gli Emirati Arabi Uniti (+123,1%) e il Messico (+63,5%) mentre, seppure su cifre minori, gli strumenti musicali vanno in Indonesia, i giocattoli in Croazia e gli articoli sportivi alle Mauritius.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 22/01/2020

Tag:

Speciali

webinar

E’ tempo di Next Generation SOC

webinar

Rivoluzione smart working e lavoro agile