Logo ImpresaCity.it

In calo le nuove imprese ma il turnover è positivo dopo dieci anni

Nel 2017 la natalità delle imprese è più elevata nel Mezzogiorno, con un tasso pari all’8,6%, e minore nel Nord-est, con un tasso del 5,8%.

Redazione Impresacity

Nel 2017 la stima delle imprese nate è pari a 276.890 unità, 20 mila in meno rispetto al 2016. Dopo il trend positivo registrato negli ultimi 5 anni, il tasso di natalità si riduce ed è pari al 7,2%, in calo di 0,5 punti percentuali rispetto all’anno precedente. A dirlo sono gli ultimi dati Istat.
Il tasso di mortalità continua il trend di progressiva riduzione avviato a partire dal 2014: nel 2017 si stimano 273.818 imprese cessate, con un tasso di mortalità del 7,1% (pari a 0,6 punti percentuali in meno rispetto al 2016).La dinamica dei due tassi, ha determinato nel 2017 un tasso netto di turnover lievemente positivo (+0,1%), che modifica il trend negativo registrato per questo indicatore a partire dal 2007.
La riduzione dei tassi totali di natalità e di mortalità è diffusa a tutti i macro-settori. I tassi di natalità registrano un calo più marcato nel Commercio e negli Altri servizi (rispettivamente -0,7 e -0,6 punti percentuali); una flessione dei tassi di mortalità si verifica nelle Costruzioni (-1,2 punti percentuali), nell’Industria e negli Altri Servizi (-0,5 punti percentuali per entrambi).
Anche nel 2017, così come nel 2016, i tassi di natalità e mortalità nel comparto dell’Industria presentano una certa variabilità se associati al livello di intensità tecnologica dei settori. I settori a bassa tecnologia (LOT) presentano un tasso di natalità (5,1%) e un tasso di mortalità (5,6%) al di sopra della media; per quelli ad alta tecnologia (HT), invece, si registra un tasso di natalità al di sopra della media (5,3%) e un tasso di mortalità inferiore rispetto alla media dell’industria (3,8%).
Nell’ambito dei Servizi, quelli ad alto contenuto di conoscenza (HITS) registrano, rispetto alla media, un tasso di natalità decisamente superiore (9,4%) e un uguale tasso di mortalità (7,3%).
Nel 2017 la natalità delle imprese è più elevata nel Mezzogiorno, con un tasso pari all’8,6%, e minore nel Nord-est, con un tasso del 5,8%. Rispetto al 2016, la natalità delle imprese risulta in calo in tutte le ripartizioni territoriali. La flessione maggiore si registra nel Nord-ovest (-0,8 punti percentuali), che passa dal 7,3% al 6,5%: in particolare, nelle regioni Piemonte e Lombardia (-0,8 punti percentuali per entrambe) e nel Nord-est (-0,5 punti percentuali). In maniera speculare il tasso di mortalità stimato per il 2017 è maggiore nel Mezzogiorno (8,3%) e inferiore nel Nord-est (6,0%) ed è in calo in tutte le ripartizioni territoriali.
Dopo la ripresa degli ultimi tre anni, la capacità di sopravvivenza delle nuove imprese è in lieve diminuzione: fra quelle nate nel 2016, alla fine del 2017 è ancora in attività l’81,9% (0,3 punti percentuali in meno rispetto al 2016). Nel dettaglio dei settori, il calo della sopravvivenza riguarda l’Industria e le Costruzioni (rispettivamente -2,0 e -1,7 punti percentuali), mentre gli altri due macro-settori registrano un leggero aumento (+0,2 il Commercio e +0,1 gli Altri Servizi).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 11/07/2019

Tag:

Speciali

Download

Gestire la sicurezza alla convergenza tra IT e OT

Speciali

La sanità alla prova della trasformazione digitale