Logo ImpresaCity.it

Mecspe cambia casa e trasloca a BolognaFiere

Per l'internazionalizzazione di Mecspe servono più spazi e una logistica migliore. Da qui l'idea di trasferirsi, dal 2021, da Parma a Bologna.

Redazione Impresacity

Squadra che vince non si cambia. Nel caso di Mecspe invece sì, dato che i buoni risultati dell'edizione 2019 hanno spinto alla ricerca di maggiori spazi. La diciottesima edizione, infatti, si è chiusa con oltre 56 mila visitatori, una crescita del sei percento rispetto all’edizione 2018. Elevato anche il numero delle aziende presenti (2.355) e della superficie espositiva (120 mila metri quadrati).

In prospettiva, quindi, la sede tradizionale di Fiere di Parma rischiava di diventare un po' stretta. Da qui la decisione di programmare un trasloco. Mecspe manterrà a Parma la prossima edizione, che si terrà dal 26 al 28 marzo 2020. Ma dal 2021 avrà sede nel quartiere fieristico di BolognaFiere.

L'idea è che i collegamenti e le infrastrutture di Bologna renderanno Mecspe più accessibile a visitatori ed espositori. E questo contribuirà al percorso, già definito da tempo, di internazionalizzazione e di espansione della manifestazione. "La scelta del quartiere fieristico di Bologna è una naturale conseguenza di questa strategia", ha spiegato Ivo Nardella, Amministratore Delegato di Senaf.

mecspe
Per alcuni visitatori abituali di Mecspe lo spostamento a Bologna della manifestazione comporta un solo potenziale inconveniente. Si tratta della inevitabile scissione tra Mecspe e Subfornitura, lo storico prodotto fieristico di Fiere di Parma.

Da 2021, quindi, a Bologna si troveranno i settori che contraddistinguono Mecspe: macchine utensili, fabbrica digitale, automazione e robotica, misurazione e controllo, subfornitura meccanica e elettronica, trattamenti e finiture, additive manufacturing, eurostampi, macchine e subfornitura plastica, trasmissione di potenza, logistica.

Fiere di Parma dopo Mecspe

Fiere di Parma rilancerà Subfornitura, con l'obiettivo di tracciare le PMI e le microimprese di una delle principali filiere italiane. La manifestazione promette di essere sensibilmente rinnovata, proprio grazie alle esperienze fatte in questi anni con Senaf. Parallelamente, Fiere di Parma ha tratto ispirazione dall'organizzazione di format più leggeri, come Connect.

Più in generale, ha spiegato il CEO Antonio Cellie, Fiere di Parma intende sviluppare altre sue manifestazioni proprietarie.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 11/07/2019

Tag:

Speciali

Download

Gestire la sicurezza alla convergenza tra IT e OT

Speciali

La sanità alla prova della trasformazione digitale