Logo ImpresaCity.it

Startup Visa: a metà 2019 toccata quota 450 candidature

La misura mira a promuovere la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico, l’aggregazione di un ecosistema animato da una nuova cultura imprenditoriale votata all’innovazione e l’occupazione, in particolare giovanile.

Redazione Impresacity

È online il nuovo rapporto trimestrale di monitoraggio dedicato al programma Italia Startup Visa (ISV), schema di migrant entrepreneurship curato dal Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con i Ministeri degli Esteri, dell’Interno e del Lavoro, per potenziare l’ecosistema nazionale dell’innovazione.
Attivo dal 2014, ISV prevede una procedura di concessione del visto per lavoro autonomo semplificata, digitale e bilingue a beneficio dei cittadini non UE che intendono avviare, individualmente o in team, un’impresa innovativa in Italia.
Le candidature sono valutate da un Comitato di esperti, presieduto dal Direttore Generale per la Politica Industriale del MISE, è composto dai presidenti di cinque organizzazioni chiave dell’ecosistema nazionale dell’innovazione: PNICube per gli incubatori universitari, IBAN per i business angel, AIFI per i fondi di venture capital, APSTI per i parchi scientifici e tecnologici, NetVal per gli uffici di trasferimento tecnologico.
Al 30 giugno 2019 si registrano 454 candidature, provenienti da 49 Paesi, con un tasso di approvazione del 51,1%. La Russia continua a guidare la classifica dei Paesi più rappresentati, in termini sia di domande pervenute (92) che approvate (71).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 08/07/2019

Tag:

Speciali

Speciali

Cybertech 2019

Download

Gestire la sicurezza alla convergenza tra IT e OT