Nota Istat, Confesercenti: "Segnali contrastanti, incertezza non è ancora finita"

Confesercenti: "Archiviata procedura infrazione, ora confermare premesse e proseguire su crescita".

Mercato e Lavoro
"Si conferma la presenza di segnali contrastanti sia a livello nazionale che internazionale, in un contesto economico complessivamente ancora fragile".
Così l’Ufficio economico Confesercenti commenta i dati Istat della nota mensile sull’andamento dell’economia italiana.
"A fronte di un miglioramento dell’occupazione e del potere d’acquisto delle famiglie italiane, si rilevano il perdurare del rallentamento produttivo, il calo della fiducia dei consumatori ed una probabile nuova frenata dell’economia internazionale nei prossimi mesi. Non sembrerebbe, dunque, concludersi la fase di incertezza, che riguarda sia i consumatori che le imprese e che non si consolidino i segnali di ripresa" continua Confesercenti.
"Archiviata la procedura di infrazione europea che ha tranquillizzato i mercati, vedremo se la prossima legge di bilancio saprà tranquillizzare imprese e famiglie, confermando le apprezzabili premesse, in modo da poter dare indicazioni più certe agli operatori economici. L’impegno del Governo deve proseguire a favore della crescita economica e della stabilità finanziaria, allontanando definitivamente lo spettro dell’aumento dell’Iva e varando un piano di riduzione delle tasse che vada di pari passo con la diminuzione di sprechi ed inefficienze" conclude la nota di Confesercenti.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori