Emilia Romagna al top per brevetti su intelligenza artificiale

Nella regione, tra 2007 e 2018, sono state realizzate 8040 pubblicazioni scientifiche in tema di intelligenza artificiale e sono stati depositati il 12,9% di tutti i brevetti italiani.

Mercato e Lavoro
In Emilia-Romagna tra 2007 e 2018 sono stati depositati il 12,9% di tutti i brevetti italiani in materia di intelligenza artificiale, un dato che pone la regione al top in Italia insieme alla Lombardia (33%). È quanto emerge da un’analisi sull’intelligenza artificiale, che la Regione e ART-ER hanno presentato a Research to Business, il Salone della Ricerca Industriale e delle Competenze per l’Innovazione.
Nell’arco temporale esaminato, imprese, ricercatori e tutti gli altri attori del sistema economico regionale hanno depositato 65 brevetti presso l'Ufficio Brevetti Europeo (EPO) e partecipato a 49 progetti europei sull’intelligenza artificiale, l’11% di tutti quelli che hanno visto la presenza di almeno un’organizzazione italiana.
“Partecipando a questi programmi europei – spiega Patrizio Bianchi Assessore scuola, formazione professionale, università, ricerca e lavoro della Regione Emilia-Romagna – gli operatori emiliano-romagnoli hanno ottenuto il 7% dei finanziamenti complessivamente erogati in questo ambito a favore di imprese ed enti del nostro Paese. Oltre alle 6 università presenti sul territorio, nella nostra regione ci sono 180 imprese, 31 centri di ricerca e 64 enti pubblici che contribuiscono alle attività di R&S in intelligenza artificiale. Con questi numeri – Conclude Bianchi – l’Emilia-Romagna si conferma una delle regioni italiane più attive in tema innovazione e ricerca. ART-ER sostiene lo sviluppo delle imprese del territorio, favorendone la partecipazione a programmi di finanziamento europei e internazionali”. 
Tra 2007 e 2018 in Emilia-Romagna si sono realizzate 8040 pubblicazioni scientifiche sull’Intelligenza Artificiale, l’8% del totale prodotto in Italia. Quasi una pubblicazione su due (48,1%) tratta di machine learning mentre poco più di un quinto (20,7%) approfondisce l’aspetto del computer vision. A seguire con percentuali via via più basse il knowledge representation and reasoning (14,3%), il natural language processing (5,9%) e il distributed artificial intelligence (5%).
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

webinar

Sicurezza, privacy, edge e cloud: come gestirli al meglio per ripartire con successo. #DataSecurity, la diretta streaming

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori