Logo ImpresaCity.it

Lavoro, Unimpresa: "Ok salario minimo ma serve taglio cuneo contributivo"

ll consigliere di Unimpresa, Giovanni Assi: "Il salario minimo metterebbe definitivamente a tacere il dibattito sui contratti cosiddetti “pirata” e sulla contrattazione che fa dumping".

Redazione Impresacity

“E’ condivisibile e auspicabile l’istituzione quanto prima del salario minimo, ma va accompagnato dal taglio del cuneo contributivo e dall’aumento delle agevolazioni fiscali”. Lo dichiara il consigliere di Unimpresa, con delega al lavoro e al welfare, Giovanni Assi. “Il salario minimo metterebbe definitivamente a tacere il dibattito sui contratti cosiddetti “pirata” e sulla contrattazione che fa dumping” spiega il consigliere di Unimpresa.
“Allo stesso tempo, si aumenterebbe la platea dei lavoratori coperti da un reddito equo, garantendolo anche a chi, attualmente, è fuori della contrattazione collettiva. Le esperienze europee, come quella della Germania, ci dicono che introdurre il salario minimo non coincide con l’uscita dai contratti collettivi da parte delle imprese, ma, anzi, aumentano i lavoratori che superano tale soglia”.
“Affinché possa veramente portare i risultati sperati – aggiunge Assi – riteniamo che l’importo debba essere rivisto verso un parametro medio in linea con i minimi salariali degli attuali contratti collettivi. L’introduzione del salario minimo deve essere accompagnata da un congruo taglio del cuneo contributivo e da un aumento delle agevolazioni fiscali in materia di welfare aziendale”.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 01/04/2019

Tag:

Speciali

speciali

Cybersecurity: Bersaglio Mobile, non toccate quello smartphone!

speciali

Wake up and secure your cloud