Confcommercio su inflazione: dato in linea con le attese

Confcommercio: " La struttura dell'inflazione appare stabile: alimentari, abitazione e altri beni e servizi la sostengono, le comunicazioni la deprimono".

Mercato e Lavoro
"La variazione registrata a marzo dai prezzi al consumo (0,3% congiunturale) è in linea con le attese. Il dato di oggi appare ancora condizionato da fattori stagionali. La ricomposizione di questi impulsi lascia immutato il tasso di variazione tendenziale dei prezzi (+1% esattamente come a febbraio). Complessivamente, la struttura dell'inflazione appare stabile: alimentari, abitazione e altri beni e servizi la sostengono, le comunicazioni la deprimono. Praticamente irrilevante è la componente di fondo". E' il commento dell'Ufficio Studi di Confcommercio ai dati Istat di oggi.
"Pur rappresentando la bassa inflazione il principale sostegno per il potere d'acquisto, – sottolinea la nota -  gli effetti sui consumi restano limitati a causa dell'elevata variabilità dei prezzi dei beni e dei servizi ad alta frequenza d'acquisto il cui andamento, +1,5% e +1,6% a febbraio e a marzo, rispettivamente, incide in misura rilevante sulla percezione delle famiglie".
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori