Logo ImpresaCity.it

Anie Confindustria: industria tecnologica fondamentale per la crescita paese

Nel 2018 i settori di Anie hanno generato oltre il 3% del pil, rappresentato il 6% del fatturato aggregato del manufatturiero nazionale e il 7% delle esportazioni.

Redazione Impresacity

L'industria tecnologica italiana, espressione di Federazione ANIE, una delle più importanti organizzazioni Confindustriali che rappresenta i 4 mercati strategici per l'Italia (industria, building, energia e infrastrutture-trasporti), anche in un anno caratterizzato da una forte incertezza politica ed economica sul fronte nazionale e internazionale, ha rappresentato un volano di crescita per tutto il Sistema Paese. I settori di ANIE, infatti, nel 2018 hanno continuato a fornire all'economia italiana un importante contributo generando oltre il 3% del PIL nazionale. Complessivamente, dall'Elettronica ed Elettrotecnica origina il 6% del fatturato aggregato del manifatturiero nazionale e il 7% delle esportazioni, occupando il 7% di addetti totali dell'industria manifatturiera e sostenendo con le proprie tecnologie ogni comparto industriale.
Guardando allo scenario macroeconomico, a un dinamico 2017 è seguito un anno a minor crescita dove la maggiore incertezza interna e del contesto internazionale ha portato a un deciso indebolimento nella seconda parte del 2018, che ha impattato significativamente sul ciclo di investimenti e sugli ordinativi.
L'indebolimento è confermato anche dall'indice PMI (Purchasing Manufactoring Index) che, negli ultimi mesi del 2018, è entrato in territorio negativo, restando sotto la soglia di 50 (indice 50=nessun cambiamento) anche a inizio 2019. Nel 2018, l'andamento dei settori di ANIE Confindustria in termini di fatturato totale è stato caratterizzato da un diverso andamento dove, a una crescita sostenuta registrata nel primo semestre 2018, è seguita, nel semestre successivo, una brusca inversione di tendenza.
Guardando ai dati congiunturali semestrali relativi al fatturato totale, ad una crescita del 6.0% tra il primo semestre 2018 e il secondo 2017, è seguito nel II semestre 2018 un sensibile calo del 3,2%. L'andamento negativo si ripercuote anche in termini di esportazioni con un significativo calo del 4% tra il II e il I semestre 2018 (rispetto invece ad una crescita del 3,7% tra i due precedenti semestri). Sul fronte interno, si evidenziano gli effetti dovuti al rallentamento degli investimenti con una diminuzione del 2,6% tra il II e il I semestre 2018 (rispetto ad una crescita dell'8% tra i due precedenti semestri).  
In riferimento al fatturato aggregato relativo ai singoli mercati di ANIE Confindustria, analizzando l'andamento tra il II semestre 2018 e il primo, l'industria perde il 3,2% (+9,7% I semestre 2018 vs II semestre 2017), l'energia segna un -6,4% (+8,2% I semestre 2018 vs II semestre 2017), il building perde il 2,8% (+4,7% I semestre 2018 vs II semestre 2017). Fa eccezione il mondo dei Trasporti e Infrastrutture, unico settore a registrare una performance in crescita del 2,9% (+0,0% I semestre 2018 vs II semestre 2017) dove ad incidere positivamente, però, sono gli effetti legati al disallineamento temporale nella contabilizzazione delle commesse.
Guardando all'export, i settori di ANIE nell'intero anno 2018 hanno registrato ugualmente una crescita del 2,5% (dato preconsuntivo su base annua) beneficiando del positivo contributo della domanda in Europa (+5,5%) Africa (+5,0%) e Asia Pacifico (+8,4%). Negativo l'andamento delle esportazioni in America che calano del 3,4%. La frenata sul fronte delle esportazioni è riconducibile a uno scenario internazionale reso più critico dal neo-protezionismo, dalle tensioni finanziarie e monetarie.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 22/03/2019

Tag:

Speciali

speciali

I tanti volti del backup in cloud

speciali

Backup & Storage 2019