Logo ImpresaCity.it

Al via il Global Start Up Program: nuove imprese su mercati internazionali

Obiettivo dell'iniziativa è quello di promuovere start up italiane con potenzialità di sviluppo internazionale.

Redazione Impresacity

Il Ministero dello Sviluppo Economico mira a sostenere, con l'iniziativa Global Start Up Program, 120 start up titolari di brevetti che intendono rafforzare le proprie capacità tecniche, organizzative e finanziarie per affrontare nuovi mercati.
Il progetto si rivolge a imprese italiane non ancora presenti sui mercati internazionali, impegnate nello sviluppo di nuove idee ad alto contenuto tecnologico, con particolare riferimento a:
  • ICT: blockchain, intelligenza artificiale, cyber security, Industria 4.0, fintech
  • automotive e robotica: batterie e auto elettriche, guida autonoma, future mobility, app per il carsharing e relativi web services;
  • medtech: attrezzature medicali e app, life sciences;
  • circular economy: emissioni low carbon, materiali innovativi e sostitutivi della plastica.
Sono previste due fasi:
  • Prima fase - corso preparatorio per implementare e consolidare le competenze tecnico-manageriali (sui temi di scaleup internazionale, proprietà intellettuale e project work)
  • Seconda fase - stage all'estero per favorire nuove opportunità di business e di attrazione d’investimenti internazionali attraverso:
  • formazione specialistica
  • stage da 3 a 6 mesi presso incubatori selezionati nei Paesi focus (Regno Unito, Stati Uniti d’America, Cina, Giappone, Corea del Sud e Slovenia)
  • accompagnamento ad eventi promozionali.
Per maggiori informazioni: Global Start Up Program.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 21/03/2019

Tag:

Speciali

Speciali

Cybertech 2019

Download

Gestire la sicurezza alla convergenza tra IT e OT