Confcommercio su inflazione: il dato riflette anche la fragilità della domanda

Confcommercio: "L'aumento registrato nell'ultimo mese è imputabile in misura quasi esclusiva a fattori di volatilità".

Mercato e Lavoro
"La modesta ripresa registrata dall'inflazione nel mese di febbraio, fenomeno condiviso da altri Paesi europei, non rappresenta il segnale di un ritorno della dinamica dei prezzi su valori più vicini a quelli considerati "ottimali" per un'economia in salute". E' il commento dell'Ufficio Studi di Confcommercio al dato Istat di oggi.
"L'aumento registrato nell'ultimo mese – spiega la nota -  è, infatti, imputabile in misura quasi esclusiva a fattori di volatilità di cui si riscontrano evidenze nell'aree degli alimentari freschi e dell'energia, oltre che a interventi di incremento dell'imposizione indiretta come nel caso dei tabacchi. Di conseguenza, la componente di fondo si mantiene su valori particolarmente esigui (+0,5% tendenziale), confermando l'assenza di tensioni all'interno del sistema. Prezzi stabili sostengono il potere d'acquisto dei redditi nominali. Sono, però, in ampia misura, il riflesso di una complessiva e perdurante fragilità della domanda".
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

La nuova Sanità post-pandemia

Speciale

Il New Normal dei Data Center

Speciale

La Cyber Security del new normal

Webinar

Multicloud management: gestire le "nuvole" senza problemi

Webinar

MITRE ATT&CK: una guida chiara per la cyber security aziendale

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori