Logo ImpresaCity.it

I focus per il 2019 di BT Italia: reti di nuova generazione, Cloud Collaboration e sicurezza

Il punto sui programmi della divisione Global Services del colosso britannico

In occasione dell'evento “BT trends 2019: dalle reti del futuro all'evoluzione dell'ecosistema cloud”, che ha avuto luogo a inizio gennaio presso il Customer Experience Center BT alle porte di Milano, Andrea Bono, Country Manager di BT in Italia, ha parlato delle principali tendenze che guideranno il mercato delle telecomunicazioni nel corso dei prossimi anni, sottolineando che l’azienda "punterà nei prossimi anni su tre filoni di sviluppo: le reti di nuova generazione (Cloud and Network Infrastructure), la Cloud Collaboration e la sicurezza, in un contesto in cui i primi due elementi sono strettamente legati al terzo. La sicurezza è infatti un tema fondamentale, perché il numero di attacchi informatici aumenta parallelamente all'utilizzo di tecnologie cloud e avere una struttura che possa combattere efficacemente le minacce che provengono dall'esterno significa garantire maggiori possibilità di sviluppo al proprio business".


andreabono bt
Andrea Bono, Country Manager di BT Italia
Come noto, BT è tra i principali provider mondiali di servizi e soluzioni di comunicazione, con clienti in 180 paesi e un fatturato di 24 miliardi di sterline. Global Services è la divisione di BT attiva al di fuori del Regno Unito che offre servizi e soluzioni di comunicazione in sicurezza, presente in 76 paesi e attiva in oltre 180 paesi, con un fatturato pari a 5 miliardi di sterline.  

Nei mesi scorsi BT ha lanciato la Service and Network Automation Platform (SNAP) progettata per aiutare i clienti a innovare attraverso le più recenti tecnologie SD-WAN e NFV. La piattaforma, al cuore della rete globale di BT, è realizzata con un'architettura flessibile che consente a BT di integrare al meglio le soluzioni dei suoi partner, quali per esempio i controller SD-WAN di Cisco e Nuage Networks di Nokia. SNAP funziona anche con il Network Services Orchestrator di Cisco, che consente a BT di offrire ai clienti una scelta di servizi gestiti SD-WAN e NFV. 

Per quanto invece riguarda il cloud, BT ha pienamente realizzato la propria visione del “Cloud of Clouds”, che si basa su una nuova generazione di servizi cloud volti a permettere alle aziende e alle organizzazioni di tutto il mondo di connettersi facilmente e in modo sicuro alle applicazioni e ai dati di cui necessitano, indipendentemente dal luogo in cui i dati sono fisicamente collocati e che ha visto BT investire in collegamenti diretti con tutte le principali piattaforme cloud hyper-scale mondiali. Gli utilizzatori dei nuovi servizi cloud avranno la possibilità di integrare e gestire in modo autonomo le risorse IT ospitate nei loro ambienti cloud privati, pubblici o ibridi, nella piattaforma cloud globale di BT o nelle piattaforme degli altri principali cloud provider. Infine, nell’ecosistema Cloud of Clouds sono disponibili anche soluzioni dedicate di Unified Communication & Collaboration (UCC) e Contact Center (CC).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 11/01/2019

Speciali

speciali

Wake up and secure your cloud

speciali

I tanti volti del backup in cloud