Logo ImpresaCity.it

Puglia: un bando per l'internazionalizzazione delle imprese

Dalla regione 5 milioni di euro per sostenere la partecipazione delle Pmi pugliesi a eventi fieristici internazionali.

Redazione Impresacity

E' stato pubblicato dalla Regione Puglia il Bando "Voucher Fiere", sviluppato con il supporto tecnico di Unioncamere Puglia, con l'obiettivo di sostenere le strategie di esportazione e di promozione su scala internazionale del sistema produttivo pugliese, favorendo la partecipazione delle PMI a manifestazioni fieristiche in Italia e all'estero, attraverso la concessione di contributi economici a fondo perduto, a parziale copertura delle spese di partecipazione agli eventi fieristici di particolare rilievo, in Italia e all'estero.
Le risorse complessivamente disponibili per questa misura sono pari a 5milioni di euro, a valere sul Piano Operativo FESR 2014-2020, e i contributi possono essere per un massimo di 6mila euro per la partecipazione a fiere internazionali che si svolgono nei Paesi dell'Unione Europea (compresa l'Italia) e di 9mila euro per le fiere che si svolgono in Paesi extra-europei.
La procedura è automatica con modalità "a sportello", e l'assegnazione del contributo seguirà l'ordine cronologico di presentazione delle domande. L'istanza deve essere presentata dai soggetti interessati al massimo trenta giorni prima dell'inizio della manifestazione fieristica alla quale si intende partecipare.

Sono ammesse a rendicontazione le spese di affitto degli spazi espositivi, quelle relative ai servizi di allestimento e manutenzione degli stessi, i costi di inserimento nel catalogo della fiera, servizi di hostess e di interpretariato, spese di spedizione dei materiali promozionali, e molto altro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 28/11/2018

Tag:

Speciali

speciali

La sicurezza informatica al servizio della digital transformation

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito