Confcommercio su clima fiducia: "Sintomo di fragilità"

Confcommercio: "L'incertezza sugli effettivi contenuti e sui tempi di attivazione dei provvedimenti della manovra di bilancio non favorisce il miglioramento della propensione al consumo né il rilancio degli investimenti del mondo produttivo".

Mercato e Lavoro
"Un ulteriore sintomo delle fragilità che caratterizzano il quadro economico italiano": questo il commento dell'Ufficio Studi di Confcommercio ai dati Istat di oggi che registrano un peggioramento a novembre della fiducia delle imprese e delle famiglie.
"Da oltre un anno  - spiega la nota - le aspettative delle famiglie fibrillano su un livello stazionario, testimoniando una sostanziale incertezza sulle prospettive a breve, condizione che comprime le decisioni di spesa. Ancora più preoccupante è il trend declinante delle aspettative degli imprenditori, la cui fiducia torna ai livelli di metà 2016, quando è cominciata la risalita che ha sostenuto la ripresa fino a quasi tutto il 2017. Resta molto precario il profilo delle attese delle imprese del dettaglio tradizionale".
"In generale,  - conclude Confcommercio - la prolungata fase di incertezza sugli effettivi contenuti e sui tempi di attivazione dei provvedimenti della manovra di bilancio non favorisce il miglioramento della propensione al consumo né il rilancio degli investimenti del mondo produttivo".
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori