Logo ImpresaCity.it

Luigi Gubitosi nuovo Amministratore Delegato di Tim

Ex Direttore Generale RAI, Gubitosi è stato amministratore delegato di Wind dal 2007 al 2011.

Redazione Impresacity

Il Consiglio di Amministrazione di TIM ha nominato Luigi Gubitosi Amministratore Delegato e Direttore Generale, conferendogli deleghe esecutive.
A seguito della nomina quale Amministratore Delegato e Direttore Generale Luigi Gubitosi si qualifica come Amministratore Esecutivo (non indipendente) ed esce dal Comitato per il controllo e i rischi.
Nato il 22 maggio 1961 a Napoli, Luigi Gubitosi ha ottenuto il master in Business Administration all’I.N.S.E.A.D. di Fontainbleau, dopo la laurea in Giurisprudenza all’Università di Napoli e gli studi di economia presso la London School of Economics.
E’ stato Vice Presidente di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici (CSIT), Vice Presidente di Asstel e membro del Comitato Fisco e Corporate Governance di Confindustria. 
Dal 1986 al 2005 ha ricoperto diversi ruoli nel Gruppo Fiat: Chief Financial Officer, Direttore Finanza e Responsabile Tesoreria di Gruppo; è stato Presidente del Consiglio di Amministrazione di Fiat Partecipazioni e membro del Consiglio di Amministrazione di Fiat Auto, Ferrari, Iveco, Itedi, Comau e Magneti Marelli.
Nel 2005 è entrato in Wind Telecomunicazioni come Chief Financial Officer per poi diventarne amministratore delegato dal 2007 al 2011.
Da novembre 2011 a luglio 2012 è stato country manager e responsabile della divisione Corporate and Investment Banking di Bank of America Merrill Lynch Italia.
Da luglio 2012 ad agosto 2015 ha ricoperto la carica di Direttore Generale RAI .

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 19/11/2018

Tag:

Speciali

Download

Gestire la sicurezza alla convergenza tra IT e OT

Speciali

La sanità alla prova della trasformazione digitale