Congiuntura Confcommercio: economia in rallentamento, i consumi non ripartono

Secondo l'indicatore dei Consumi Confcommercio (ICC) l'occupazione ha presentato ad agosto una variazione congiunturale positiva dello 0,3%.

Mercato e Lavoro
A settembre 2018 l'indicatore dei Consumi Confcommercio (ICC) ha registrato una flessione dello 0,3% in termini congiunturali ed un aumento della stessa entità nel confronto con lo stesso mese del 2017, segnalando il permanere di difficoltà da parte della domanda delle famiglie di instradarsi su un sentiero di crescita consolidato. In termini di media mobile l'evoluzione degli ultimi mesi segnala una stabilizzazione della domanda.
Ad agosto la produzione industriale ha registrato, al netto dei fattori stagionali, un miglioramento dell'1,7% su base mensile e una diminuzione dello 0,8% su base annua. L'occupazione ha presentato, nello stesso mese, una variazione congiunturale positiva dello 0,3%.
Segnali positivi sono giunti anche dalsentiment delle famiglie e degli operatori del manifatturiero che hanno registrato a settembre un miglioramento, rispettivamente, dello 0,6% (m/m) e dello 0,7% (m/m). Questi miglioramenti non modificano le prospettive a breve, essendo, in molti casi recuperi marginali rispetto ai deludenti risultati dei mesi precedenti.
A settembre 2018 l'ICC è risultato, nel confronto su base annua, in aumento dello 0,3%. Il dato dell'ultimo mese è sintesi di un'evoluzione positiva della domanda relativa ai servizi (+2,0%) e di una flessione dello 0,4% della spesa per i beni.
Relativamente alle diverse funzioni di spesa l'incremento più sensibile, rispetto a settembre del 2017, è stato quello della domanda di beni e di servizi per le comunicazioni (+2,9%), determinato in larga parte dalla sensibile crescita della spesa per i beni inclusi nell'aggregato. Lievemente più contenuto è risultato l'aumento relativo agli alberghi, ai pasti e le consumazioni fuori casa (+2,3%), segmento che si conferma come uno dei più dinamici. Incrementi moderati si sono registrati per la domanda per i beni e i servizi ricreativi e per i beni e i servizi per la cura della persona (+0,8%).
Sostanzialmente stabile è risultata la spesa per i beni e i servizi per la casa (+0,2%), al cui interno si rilevano andamenti molti articolati. Per contro, riduzioni di un certo rilievo continuano ad interessare la domanda relativa all'abbigliamento e alle calzature (-1,6%) e agli alimentari, le bevande ed i tabacchi (-0,8%). In ridimensionamento, rispetto a settembre dello scorso anno, è risultata, infine, la domanda per i beni e i servizi per la mobilità (-0,5%), andamento su cui hanno pesato le difficoltà nel segmento delle auto.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

MySQL Day 2021 Digital Edition

Webinar

Nutanix Week 2021

Download

L'ufficio ovunque: preparare l'IT per il lavoro ibrido

Webinar

Così il ransomware mette al tappeto backup… e ripartenza. Cosa fare per evitare guai

Webinar

L'IT agile sposa gli analytics

Calendario Tutto

Apr 28
Webinar Cybereason: Simulazione Live di un Cyberattack
Mag 13
IDC Future of Digital Infrastructure Digital Forum 2021
Mag 13
MySQL Day 2021 Digital Edition

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori