Logo ImpresaCity.it

Crollo Ponte Morandi: parte la ricognizione dei danni subiti da imprese e professionisti

Si potranno denunciare anche i danni indiretti come ad esempio: mancato guadagno (nel caso di interruzione dell’attività occorre stimare il numero dei giorni di stop), oneri aggiuntivi di personale, dell’azienda (logistica) o di altro genere.

Redazione Impresacity

Sono stati pubblicati sul sito della Camera di commercio www.ge.camcom.gov.it, i modelli per la segnalazione dei danni diretti e indiretti a carico delle attività economiche a seguito del crollo del Ponte Morandi.
Le attività economiche danneggiate non agricole (sia le imprese che i professionisti) dovranno trasmettere alla Camera di commercio competente entro il 1 ottobre il Modello AE approvato ieri dalla Giunta regionale e specifico per il crollo di Ponte Morandi.Il modello consente di segnalare, in primo luogo, i danni subiti a immobili, fabbricati, macchinari e attrezzature, scorte e prodotti, e le spese tecniche sostenute.
Ma soprattutto si potranno denunciare, per la prima volta, anche i danni indiretti, così definiti: mancato guadagno (nel caso di interruzione dell’attività occorre stimare il numero dei giorni di stop), oneri aggiuntivi di personale, dell’azienda (logistica) o di altro genere.
L’obiettivo delle istituzioni (Regione Liguria, Comune e Camera di commercio di Genova) è arrivare a quantificare entro un mese il danno complessivo subito dalle imprese di Genova e della Liguria, in attesa di individuare i soggetti chiamati a risarcirli e le risorse.Le imprese (non agricole) e i professionisti che hanno o hanno avuto sedi o unità locali (es. magazzini) comprese nella c.d. zona rossa (nelle sue successive delimitazioni) devono presentare alla Camera di commercio competente, sempre entro il 1 ottobre, anche il Modello C previsto dalla Protezione Civile per le calamità.
“In questo momento è importante informare rapidamente tutte le imprese interessate sui modelli da presentare e le relative scadenze - commenta il segretario generale della Camera di commercio Maurizio Caviglia - il che non è facile per chi non può accedere ai propri uffici. Per questo abbiamo chiesto un grande sforzo di mobilitazione ai nostri uffici e a quelli delle Associazioni di categoria: nel dubbio, invitiamo le imprese a chiamarci per farsi orientare nella scelta e nella compilazione dei modelli”.
Da una settimana la Regione Liguria ha attivato, accanto Comune di Genova e presso la Camera di commercio, il numero verde 800 681121 per un servizio di prima assistenza alle imprese danneggiate, assicurando il collegamento con le istituzioni e con le Associazioni di categoria interessate. 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 03/09/2018

Tag:

Speciali

Speciali

Cybertech 2019

Download

Gestire la sicurezza alla convergenza tra IT e OT