Logo ImpresaCity.it

Digitalizzazione e robot: 26,6% occupazione imprese in settori ad alto rischio di automazione

Nel settore manifatturiero la quota di addetti ad alto rischio automazione raddoppia rispetto alla media, salendo al 53,3%, mentre scende al 20,3% nei servizi.

Redazione Impresacity

Tra le conseguenze dell’adozione delle tecnologie digitali nelle imprese vi è l’automazione dei processi produttivi e la ricombinazione dei fattori produttivi che vede la sostituzione di capitale a lavoro.
In un report dell’Ufficio Studi di Confcommercio viene misurata la quota di occupati delle imprese italiane a rischio automazione e, in parallelo, esaminata la presenza di “anticorpi” sul territorio in grado di valorizzare le attività dell’uomo rispetto a quelle delle macchine. L’analisi rielabora la probabilità di rischio automazione per professione e settore di un recente lavoro dell’Ocse ed evidenzia che, sulla base dell’attuale composizione settoriale, in Italia il 26,6% degli addetti delle imprese (4,3 milioni di addetti) opera in settori ad alto rischio automazione, il 54,8% in settori a medio rischio mentre il 18,6% lavora in settori dove il rischio di automazione è basso.
Lo studio di Confcommercio esamina la presenza sul territorio di anticorpi che renderà meno probabile la sostituzione nelle imprese dei lavoratori con macchine. A tal fine viene misurato il grado di immunità al rischio automazione mediante un indice sintetico di dodici variabili legate ad aspetti dell’innovazione, formazione, creatività e relazione e di seguito viene messo in relazione per ciascun territorio il livello del rischio automazione con la forza del sistema immunitario; l’analisi porta all’individuazione di quattro raggruppamenti di regioni.
Nel primo raggruppamento si trovano Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia-Romagna, Trentino-Alto Adige, Lazio, Umbria e Piemonte, dove si registra un livello alto del rischio automazione e degli anticorpi. Si osserva che al crescere del livello di rischio diminuisce il livello di anticorpi: Friuli Venezia Giulia, Veneto, Trentino-Alto Adige, e Lazio presentano un livello di rischio meno accentuato e un livello di anticorpi più elevato mentre Piemonte e Umbria presentano un livello di rischio più alto con un sistema “immunitario” relativamente più debole; per Emilia Romagna un alto rischio coesiste con un buon livello delle difese.
Il secondo gruppo si riferisce e Lombardia, Toscana, Marche, regioni con livello medio-basso di rischio automazione e livello medio-alto di anticorpi; in particolare la Lombardia presenta un più elevato livello di anticorpi e il più basso di rischio.
Il terzo gruppo di regioni caratterizzato da un basso livello di rischio e di anticorpi, è composto da Valle d’Aosta, Liguria, Sardegna, Sicilia, Calabria e Campania e al suo interno si osservano livelli più alti di anticorpi e più bassi di rischio in Liguria e in Valle d’Aosta a fronte di un relativamente più elevato rischio automazione e minori difese immunitarie in Sicilia, Sardegna, Campania e Calabria.
Infine il quarto gruppo con Basilicata e Abruzzo, Puglia e Molise comprende le regioni con un rischio più elevato di automazione associato a livelli più bassi della media per quanto riguarda la forza del “sistema immunitario” e costituisce l’area di maggiore fragilità; da sottolineare che alle due regioni a maggiore esposizione al rischio (Basilicata e Abruzzo) corrisponde un sistema immunitario relativamente più forte di quelli delle altre due regioni (Molise e Puglia).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 27/07/2018

Tag:

Speciali

Webinar

Smart working e OpenShift:

Speciale

Il Made in Italy del cloud