Logo ImpresaCity.it

Terni: contributi alle imprese che ospitano stagisti

La Camera di commercio di Terni finanzia con un contributo a fondo perduto le imprese che scelgono di ospitare giovani in stage.

Redazione Impresacity

La Camera di commercio di Terni mette a disposizione delle imprese che scelgono di ospitare giovani in stage contributi a fondo perduto. Il bando è già aperto e ci sono a disposizione quasi 60mila euro come voucher alle aziende.

Il bando prevede un contributo a fondo perduto pari a 800 euro per la realizzazione da 1 fino a 2 percorsi individuali di Alternanza, 1000 euro per la realizzazione da 3 a 5 percorsi individuali di ASL,  1.500 euro per la realizzazione di oltre 5 percorsi di ASL, più 200 euro in caso di persona diversamente abile.

Le spese ammissibili a ricevere il contributo sono, oltre a quelle legate alle coperture assicurative, anche le spese sostenute per l’attività svolta dal tutor aziendale, interno ed esterno, per la progettazione, l’organizzazione e la realizzazione dei percorsi di Alternanza.

“Il rafforzamento dell’asse scuola-impresa significa per noi investire in formazione come leva di sviluppo economico. Il nostro obiettivo come Camera di commercio, è quello di far crescere le competenze manageriali ed imprenditoriali dei nostri giovani, ossia quelli che potrebbero essere gli imprenditori di domani. Per questo - sottolinea il presidente dell’ente Giuseppe Flamini -  portiamo ormai da otto anni nelle aule dirigenti d’impresa, imprenditori che raccontano la loro esperienza di vita e professionale, cercando di trasmettere ai ragazzi il loro approccio imprenditivo”.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 22/06/2018

Tag:

Speciali

Speciali

Check Point Experience 2019

Webinar

Non aprite quella mail… come e perché continuiamo, tutti, a cadere nella stessa trappola