Logo ImpresaCity.it

Con Uwell di Sanofi la salute è a portata di app

Realizzata con Accenture Interactive la prima piattaforma per la sanità digitale personale 

Si chiama Uwell ed è la prima piattaforma per la sanità digitale personale pensata per gestire completamente la salute direttamente via smartphone o computer. L’ha realizzata la farmaceutica Sanofi in collaborazione con Accenture Interactive, agenzia digitale che proseguirà nel lavoro a fianco della società farmaceutica per le future evoluzioni del progetto. L’app, che può essere scaricata dai marketplace Apple o Android, oppure gestita via web, nasce dalla constatazione che ormai da tempo anche la nostra salute passa sempre più dai dispositivi tecnologici.

Un personal coach
Tra i wearable che tracciano tutte le attività fitness, gli smartphone che tengono sotto controllo anche i battiti del cuore passando per dati come quelli che indicano come in Italia il 15 per cento delle persone comunicano col medico via mail, mentre il 12 per cento lo fa con WhatsApp, era forse quasi naturale che qualcuno pensasse a realizzare una app che portasse a portata di smartphone praticamente tutto ciò che riguarda la salute. L’idea è coerente con il concetto di “human centricity” che caratterizza il brand Sanofi: “si tratta della prima piattaforma digitale pensata per la salute, e l’abbiamo creata con lo scopo di dare alle persone l’opportunità di prendere in mano la propria salute, mettendola a portata di clic o di tap”, spiega Fabio Mazzotta, General manager della divisione Sanofi Consumer Healthcare, sottolineando la presenza all’interno dell’app Uwell di “servizi innovativi e contenuti personalizzati, pensati sia per rendere sempre più accessibile l’offerta di salute sia per proporsi come una sorta di’personal coach’ per migliorare la qualità della nostra vita e fare anche educazione”. 

Funzioni utili
Più in dettaglio, la versione appena rilasciata della piattaforma Uwell comprende già una serie di funzionalità tra cui il “Profilo Salute”, dove è possibile inserire le informazioni importanti relative alla propria salute, come per esempio la tessera sanitaria, date e richiami delle vaccinazioni, allergie e molto altro. Vi è poi la funzionalità “Agenda”, che ricorda appuntamenti e orari di assunzione dei farmaci, mentre la funzione “Armadietto digitale dei medicinali” segnala la scadenza e illustra caratteristiche, proprietà e avvertenze di utilizzo. Non solo: con Uwell è possibile ricevere un medicinale a casa in un’ora grazie all’area “Servizi Farmacia” che, inoltre, geolocalizza quella più vicina e aperta in un preciso momento, segnalando tutti i servizi specifici offerti. Al momento, quest’ultimo servizio è disponibile nei giorni feriali a Milano, Torino, Bologna, Verona, Firenze, Roma e Palermo, ma sarà presto esteso ad altre 16 città
uwell 2
Fabio Mazzotta, General manager della divisione Sanofi Consumer Healthcare

L’app delle app
Tra le altre caratteristiche di Uwell vi sono anche l’essere una “piattaforma aperta, cioè una ‘app delle app’, che si pone come aggregatore per dare uno spazio a tutte le applicazioni e alle start up della salute che possono offrire un contributo, ed è multi-profilo, ovvero consente sia di auto-profilarsi sia di gestire il profilo di qualcun altro, come può essere il caso della madre e del bambino”, prosegue Mazzotta. Quanto alle ragioni dell’investimento di Sanofi in questa nuova app, “l’orizzonte è di lungo periodo: siamo leader nel mondo dell’auto cura e intendiamo ampliare il mercato, ma oggi i consumatori non cercano più solo prodotti o nuove molecole, e questo rende complicato innovare nel mercato dei farmaci da banco. Per questo la vera innovazione è oggi quella di offrire servizi ed esperienze”, conclude Fabio Mazzotta.
Pubblicato il: 01/06/2018

Speciali

speciali

Cybertech Europe 2018

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce