Logo ImpresaCity.it

JDA: se le aziende manifatturiere diventano retailer 

La ricerca Intelligent Manufacturing 2018 svela che una maggiore digitalizzazione della supply chain è sempre più fondamentale per competere oggi 

La trasformazione dello scenario di mercato dettata da quello che è stato definito “effetto Amazon”, che ha modificato forse per sempre le aspettative dei consumatori in merito ai tempi di consegna di un ordine, sta determinando un forte cambiamento nelle strategie delle aziende manifatturiere. Questo è quanto emerge chiaramente dall’indagine Intelligent Manufacturing 2018 condotta da JDA Software, che mostra come i produttori stiano assumendo un nuovo ruolo, simile ai retailer, e siano sempre più disposti a entrare in nuovi spazi competitivi per soddisfare al meglio le esigenze dei consumatori

In particolare, il 43 per cento delle aziende manifatturiere sta ridefinendo e concentrando i propri investimenti tecnologici su soluzioni di ottimizzazione delle scorte, mentre il 41 per cento si sta focalizzando sulle tecnologie di pianificazione ed esecuzione integrate. Non solo: più della metà delle aziende intervistate, il 51 per cento, sta promuovendo una collaborazione interna ed esterna in tutta la supply chain, e non sono poche quelle che affermano di prestare anche attenzione al rilevamento della domanda (il 44 per cento) e alle practice di data science (il 33 per cento) per migliorare le previsioni. 

Verso la maturità digitale
Inoltre, quasi un terzo (il 31 per cento) dei produttori intervistati ha rivelato un impegno verso la pianificazione integrata, in cui i processi a lungo e medio termine si integrano con l’esecuzione tattica attraverso una tecnologia unica e connessa, accessibile dagli utenti attraverso le funzioni della supply chain. Un altro elemento fondamentale che i produttori devono affrontare quando abbracciano il ruolo di retailer è la maturità della supply chain: se attualmente i produttori “predigitali” (18 per cento) e quelli maturi si equivalgono in termini numerici, solo il 18 per cento degli intervistati dichiara di aver raggiunto la maturità della digital supply chain, mentre quasi il doppio (35 per cento) prevede di raggiungerla nel giro di due o tre anni. 

La digitalizzazione della supply chain non è più un’opzione. È un obiettivo strategico e un elemento di differenziazione cruciale. Le aziende che oggi stanno investendo nella supply chain e quelle che stanno posizionando le funzioni della supply chain come elementi chiave della differenziazione riusciranno a eccellere e a ottenere una crescita profittevole del business," ha spiegato Fred Baumann, Group Vice President per la Strategia Industriale di JDA. “Il 35 per cento degli intervistati aspira a raggiungere la maturità digitale nei prossimi due o tre anni, ma per centrare questo obiettivo ed essere attrezzati per contrastare Amazon, questi produttori dovranno rendere la digitalizzazione una priorità adesso”.  

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 14/05/2018

Speciali

speciali

La sicurezza informatica al servizio della digital transformation

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito