Logo ImpresaCity.it

Eurostat: Italia terzo paese in UE per disoccupazione

Cala ancora la disoccupazione nella zona euro: la percentuale di persone senza impiego si è stabilita all’8,5 a febbraio 2018, mentre era all’8,6 il mese precedente e addirittura al 9,5% un anno fa.

Redazione Impresacity

A febbraio 2018, secondo i dati Eurostat, nella zona euro (ZE19) il tasso di disoccupazione destagionalizzato si è attestato all’8,5%; in calo rispetto all’8,6% di gennaio 2018 e al 9,5% di febbraio 2017.
Si tratta del tasso più basso registrato nella zona euro dal dicembre 2008. Nello stesso mese nell'UE28 il tasso di disoccupazione è stato del 7,1%, in diminuzione rispetto al 7,2% di gennaio 2018 e all'8,0% di febbraio 2017. Si tratta del tasso più basso registrato nell’UE28 dal settembre 2008.
L'Italia è il terzo Paese dell’intera Unione Europea per tasso di disoccupazione, in particolare per quella giovanile. Il tasso di disoccupazione dell’Italia si è attestato a febbraio al 10,9%: peggio fanno solo la Grecia (20,8% a dicembre) e la Spagna (16,1%).
Il livello più basso di tasso di disoccupazione a febbraio invece è stato registrato nella Repubblica Ceca (2,4%), in Germania e a Malta (entrambi 3,5%) e in Ungheria (3,7%, dato del gennaio 2018).
Preoccupa anche la disoccupazione giovanile, al 32,8% in Italia a fronte del 15,9% nell’UE a 28 e al 17,7% nella Zona Euro. Peggio di noi solo Grecia (45% a dicembre 2017) e Spagna (35,5%). I tassi più bassi si sono registrati invece in Germania (6,2%), Paesi Bassi (7,2%) e Repubblica Ceca (7,5%).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 10/04/2018

Tag:

Speciali

Download

Gestire la sicurezza alla convergenza tra IT e OT

Speciali

La sanità alla prova della trasformazione digitale