Lavoro: Unimpresa, imprese costrette a puntare solo su precari

Unimpresa: "Tra novembre e gennaio, a esempio, i contratti a tempo indeterminato sono calati di 46mila unità, mentre registriamo 68mila contratti in più a tempo determinato".

Mercato e Lavoro
“C’è bisogno di dire la verità e di fare una analisi lucida: sta aumentando solo il lavoro precario, perché le imprese sono di fatto impossibilitate ad assumere a tempo indeterminato, sia per i costi, troppo alti, sia per l’incertezza del quadro congiunturale. Tra novembre e gennaio, a esempio, i contratti a tempo indeterminato sono calati di 46mila unità, mentre registriamo 68mila contratti in più a tempo determinato. Un trend che è ormai consolidato: nell’ultimo anno, da gennaio 2017 a gennaio 2018, quelli a tempo indeterminato sono calati di 62mila unità, a fronte di un incremento di 409mila a tempo determinato”. Lo dichiara il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara, commentando i dati Istat secondo cui a gennaio 2018 stima occupati +0,1% (+25mila) su mese. Tasso di disoccupazione all’11,1%.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Obiettivo PMI Italiane

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori