Lavoro: Unimpresa, imprese costrette a puntare solo su precari

Unimpresa: "Tra novembre e gennaio, a esempio, i contratti a tempo indeterminato sono calati di 46mila unità, mentre registriamo 68mila contratti in più a tempo determinato".

Mercato e Lavoro
“C’è bisogno di dire la verità e di fare una analisi lucida: sta aumentando solo il lavoro precario, perché le imprese sono di fatto impossibilitate ad assumere a tempo indeterminato, sia per i costi, troppo alti, sia per l’incertezza del quadro congiunturale. Tra novembre e gennaio, a esempio, i contratti a tempo indeterminato sono calati di 46mila unità, mentre registriamo 68mila contratti in più a tempo determinato. Un trend che è ormai consolidato: nell’ultimo anno, da gennaio 2017 a gennaio 2018, quelli a tempo indeterminato sono calati di 62mila unità, a fronte di un incremento di 409mila a tempo determinato”. Lo dichiara il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara, commentando i dati Istat secondo cui a gennaio 2018 stima occupati +0,1% (+25mila) su mese. Tasso di disoccupazione all’11,1%.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori