Genova: dalla Camera di commercio contributi per formazione e consulenza digitali

Al via anche il Bando per il contributo alle imprese che partecipano a progetti di Alternanza Scuola Lavoro.

Tecnologie
Partono i voucher che laCamera di commercio di Genovamette a disposizione delle micro, piccole e medie imprese (MPMI) dell'Area Metropolitana di Genova per favorire il processo di digitalizzazione per l’introduzione di tecnologie collegate al Piano Impresa 4.0. L’iniziativa rientra fra quelle realizzate dal nuovo Punto Impresa Digitale (PID) di Genova.
A disposizione delle imprese un totale di100.000,00 euro, che potranno essere impiegati per acquisire servizi di formazione e consulenza in ambiti di innovazione tecnologica quali: soluzioni per la manifattura avanzata, manifattura additiva, realtà aumentata e virtual reality, simulazione, integrazione verticale ed orizzontale, industrial Internet e IoT, cloud, cybersicurezza e business continuity. Inoltre, i voucher potranno coprire servizi di sola consulenza per: sistemi di e-commerce, sistemi di pagamento mobile e/o via internet, sistemi EDI, Electronic Data Interchange, georeferenziazione e GIS, sistemi informativi e gestionali, tecnologie per l'in-store costumer experience, RFID, barcode, sistemi di tracking, System integration applicata all'automazione di processi.
Possono presentare domanda le imprese con sede legale e/o un'unità operativa nella provincia di Genova e iscritte al Registro delle Imprese, attive e in regola con il pagamento del diritto annuale. I voucher, che ammontano a1.500,00 a impresaper un massimo di 66 imprese, saranno assegnati in relazione alle categorie economiche di appartenenza.
Le domande potranno essere presentate fino alle ore 20 del19 marzo 2018e saranno accettate in ordine cronologico di arrivo, salvo chiusura anticipata del bando per esaurimento dei fondi disponibili. Per la procedura è necessario che l'azienda sia in possesso di un account Web Telemaco.
Inoltre dal 5 febbraio è aperto anche il Bando per il contributo alle imprese che partecipano a progetti di Alternanza Scuola Lavoro.
Le micro piccole e medie imprese (MPMI) devono essere iscritte al Registro Nazionale Alternanza Scuola Lavoro, oltre che attive e in regola con gli oneri fiscali e contributivi.
E’ previsto un totale di 50.000 euro, suddivisi in voucher da 400 o 800 euro, a secondo del numero di percorsi formativi attivati. Le domande per l’Alternanza Scuola Lavoro potranno essere presentate fino alle ore 16 del 30 aprile 2018.
I bandi e le informazioni per la partecipazione sono disponibili suwww.ge.camcom.gov.it.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Obiettivo PMI Italiane

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori