Logo ImpresaCity.it

Studio: le imprese italiane più puntuali nei pagamenti

Secondo lo studio della società Cribis sono in aumento le aziende che pagano entro i termini (37,3% a dicembre 2017 contro 35,6% a fine 2016), con un conseguente calo delle imprese con ritardo superiore ai 30 giorni (10,5% a dicembre 2017 contro 12,3% a fine 2016).

Redazione Impresacity

L'ultima analisi dello Studio Pagamenti Cribis presenta uno scenario incoraggiante per le imprese italiane: in aumento le aziende che pagano entro i termini (37.3% a dicembre 2017 contro 35.6% a fine 2016) con un conseguente calo delle imprese con ritardo superiore ai 30 giorni (10.5% a dicembre 2017 contro 12.3% a fine 2016). Il dato relativo ai ritardi gravi è particolarmente positivo e migliora le previsioni per il futuro: dopo il forte aumento che si è verificato tra il 2013 e il 2014 infatti, quest'anno si è attestato al 10.5%, tornando ai livelli del 2012.

A livello regionale il Nord-Est si conferma l'area dove ci sono le imprese più affidabili, con il 46.1% di queste che paga con regolarità i fornitori, mentre i ritardi gravi sono solo il 6.4%. Maggiori difficoltà invece per le aziende dell'area Sud e Isole dove la media dei pagamenti puntuali è il 24%. Il Veneto è la regione più virtuosa (47.5% di puntualità) seguita da Emilia-Romagna e Lombardia.

Tra i settori si distingue quello dei servizi finanziari, con il 48.2% delle imprese che paga alla scadenza, bene anche le imprese del settore industriale e produttivo. Per quanto riguarda il commercio al dettaglio invece, l'effetto della crisi si fa sentire più che in altri settori con una quota di ritardi gravi superiore al 16%.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 09/02/2018

Tag:

Speciali

Speciali

Check Point Experience 2019

Webinar

Non aprite quella mail… come e perché continuiamo, tutti, a cadere nella stessa trappola