Logo ImpresaCity.it

Eurostat: le Pmi UE generano la metà degli scambi di merci all'interno dell'Unione europea

L'Italia risulta essere 12esima per la quota (54,4%) del valore delle esportazioni intra-Ue effettuate dalle sue Pmi.

Redazione Impresacity

Le piccole e medie imprese (fino a 249 dipendenti) sono considerate un motore dell’economia dell’UE, poiché creano posti di lavoro e contribuiscono alla crescita economica e agli scambi all’interno dell’UE. A dirlo è un recente studio dell'Ufficio Statistico dell'Unione Europea (Eurostat).
Il 98% delle imprese che commerciano nell’UE sono Pmi; di queste, il 70% sono microimprese (fino a 9 dipendenti). Le Pmi sono responsabili di oltre la metà del valore degli scambi intra-UE di merci. Nello specifico, rappresentano il 51% delle importazioni intra-UE e il 45% delle esportazioni intra-UE.
L'Italia è 12esima per la quota (54,4%) del valore delle esportazioni intra-Ue effettuate dalle sue Pmi, mentre prime sono Cipro (88%), Lettonia (81%) e Belgio (70%), e ultime risultano essere Francia (21%) e Germania (26%). Le microimprese italiane (fino a 9 dipendenti) sono tra quelle in Europa che contribuiscono di meno all'export dentro l'Europa (5%), penultime insieme a quelle ceche, davanti solo a quelle tedesche, francesi e finlandesi (4%).
Sul fronte delle importazioni intra-Ue, invece, l'Italia è 18esima (58,6%), con alle ultime posizioni di nuovo Francia (31%) e Germania (34%), e alle prime ancora Lettonia (85%), Cipro (82%) e poi Estonia (79%). 


Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 30/11/2017

Tag:

Speciali

Download

Gestire la sicurezza alla convergenza tra IT e OT

Speciali

La sanità alla prova della trasformazione digitale