Logo ImpresaCity.it

Iomega Storecenter Network Hard Drive 1TB

Una unità NAS che integra due hard disk configurabili in Raid 0 o 1, per una capacità totale di 1 Tbyte, ideata per piccoli uffici, ma con funzionalità avanzate di gestione degli accessi e di backup dei dati.

Mattia Verga


Lo Storecenter Network Hard Drive è un disco rigido di rete con funzionalità Raid 0/1 e in grado di asservire anche come print server, ideale alternativa per il backup e la condivisione di risorse in uffici di piccole e medie dimensioni.

iomega-storecenter-network-hard-drive-1tb-1.jpg
Lo Storecenter Network Hard Drive ha un aspetto solido e funzionale, con uno chassis in metallo che favorisce la dissipazione del calore prodotto dagli hard disk.
L'unità integra due hard disk Seagate Barracuda con capacità di 500 Gbyte ognuno e interfaccia Serial Ata 2. Le impostazioni di fabbrica prevedono una configurazione in Raid 0, che offre quindi una capacità di archiviazione totale di 1 TByte. Lo chassis in metallo ha dimensioni molto compatte, 200x80x125 mm, ma consente comunque un buon scambio termico, facilitato anche da una ventolina di raffreddamento. Le dimensioni contenute non facilitano comunque un eventuale operazione di sostituzione di un hard disk. L'apertura dell'unità e l'estrazione del disco fisso danneggiato non è né rapida, né comoda, e non vi è nessuna indicazione di quale dei due hard disk sia quello da sostituire.

Nella parte posteriore dell'unità, oltre all'ingresso dell'alimentazione, si trovano due porte Usb, alle quali possono essere collegate delle stampanti da condividere in rete, e la porta Gigabit Ethernet. I protocolli di rete supportati rendono lo Storecenter Network Hard Drive compatibile praticamente con qualsiasi sistema operativo presente sul mercato. Windows è supportato dalla versione 98SE tramite i protocolli SMB e CIFS, Macintosh dalla versione 10.2.7 su protocollo AFP, mentre Linux è compatibile dal kernel 2.4.24 tramite NFS oppure dallo stesso SMB se è installata una versione di Samba uguale o superiore alla 3.04. Infine è possibile accedere allo Storecenter anche tramite protocollo FTP.
Su sistemi Windows è possibile configurare lo Storecenter per il funzionamento in un gruppo di lavoro oppure come membro di un dominio NT4 o basato su Active Directory.

[tit:Installazione]
La configurazione dello Storecenter Network Hard Drive avviene tramite il collegamento a un webserver installato sull'unità. Una volta collegata alla rete locale e avviata l'unità, su sitemi Windows e Macintosh è possibile installare un software in grado di rilevare le unità Storecenter presenti sulla rete locale. Da questa interfaccia si può mappare l'unità come disco di rete o tramite un pulsante avviare il browser sulla pagina principale di configurazione.

iomega-storecenter-network-hard-drive-1tb-2.jpg

La configurazione dello Storecenter Network Hard Drive avviene tramite interfaccia Web.
Al primo avvio l'amministratore di sistema vorrà probabilmente come prima cosa impostare una password di accesso alle pagine di configurazione, visto che di default non è impostata. Le altre impostazioni possibili sulla prima schermata consentono di assegnare un nome identificativo all'unità e di impostare data e ora del sistema, eventualmente attivando il protocollo NTP se è disponibile una connessione a Internet.

Nella sezione "Gestione disco" si può invece scegliere la modalità Raid di funzionamento: la modalità Stripe è quella selezionata di default. Il passaggio alla modalità Mirror comporta la formattazione dei dischi e richiede oltre un'ora e mezza, durante la quale si può comunque continuare a utilizzare lo Storecenter.

[tit:Configurazioni avanzate]
Nella sezione "Rete" si possono attivare particolari configurazioni Lan: oltre all'impostazione di un indirizzo Ip fisso è possibile scegliere quali protocolli di comunicazione attivare (CIFS, SMB, NTFS, FTP, AFP). Una sottosezione dedicata a reti basate su sistemi Windows permette di impostare il nome del gruppo di lavoro o di associare l'unità a un dominio NT4, piuttosto che a una rete gestita da Active Directory.

I permessi di accesso all'unità sono configurabili nelle sezioni "Gestione utenti", "Gestione gruppi" e "Gestione cartelle". In queste tre pagine è possibile creare nuovi utenti e abilitare per ognuno l'accesso su un determinato protocollo di comunicazione (sempre che sia stato abilitato nella sezione "Rete"). Oltre che assegnare specifiche impostazioni e permessi di accesso a determinate directory su base utente, è naturalmente possibile assegnarle su base gruppo.

Le ultime sezioni del menu, "Applicazioni" e "Server di stampa", si riferiscono a funzionalità particolari di cui è capace lo Storecenter. Nella pagina "Server di stampa" è ovviamente possibile abilitare il funzionamento di Print Server: collegando una stampante Usb a una delle porte si potrà condividere la stampante in rete.
Nella sezione "Applicazioni" è invece attivabile la funzionalità di Media Server: in tal modo si concederà l'accesso alla cartella pubblica dello Storecenter a sistemi Media Center, che potranno perciò leggere e riprodurre direttamente via rete i contenuti multimediali qui memorizzati. L'ultima funzione disponibile sullo Storecenter Network Hard Drive consente di effettuare backup programmati dei contenuti su un'altra unità collegata in rete. Infatti, se si desidera utilizzare lo Storecenter in modalità Stripe, i dati non saranno protetti da un eventuale malfunzionamento di uno dei due dischi. Nella sezione "Backup del disco" è però possibile programmare diverse operazioni di copia o sincronizzazione dei dati, scegliendo per ognuna quali cartelle, su quale destinazione, a che orari e con che frequenza devono essere effettuate.

Infine, assieme allo Iomega Storecenter Network Hard Drive è fornito il programma EMC Retrospect con licenza per l'utilizzo su due PC. Questo software consente di programmare backup del PC e di creare dischi per il ripristino della macchina in caso non si riesca più ad avviarla.
Pubblicato il: 20/11/2007

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud