Logo ImpresaCity.it

HostingSolutions.it, dal dominio al cloud

La società italiana di web hosting propone servizi cloud di infrastruttura tecnologica, basati sulla piattaforma OpenStack con un modello di billing innovativo e assistenza gratuita.

Barbara Torresani

Genesys Informatica è una società fiorentina con un'esperienza quasi trentennale (è stata fondata nel 1983, ndr) nell'ambito dei servizi informatici.
Nel 1999, forte delle competenze sviluppate nel corso degli anni e di fronte all'affermarsi del Web, ha creato il brand HostingSolutions.it, specializzato nella fornitura di tre tipologie principali di servizi - registrazione di domini, pubblicazione dei siti e posta elettronica - che eroga in prevalenza a un target costituito da privati, professionisti e Piccole e Medie imprese.
La realtà, che conta un organico di circa 20 persone, ha riportato negli anni risultati sempre in crescita sia in termini di fatturato sia di numero di clienti.
Oggi l'azienda gestisce circa 60-70 mila domini e migliaia di account nei due data center proprietari situati uno a Firenze e l'altro a Roma. La struttura dispone anche di una terza locazione di appoggio a Catania, utilizzata solo per servizi di Dns.
hostingsolutions-it-dal-dominio-al-cloud-1.jpg

Tra le tappe fondamentali da ricordare il 2008, quando tra i primi Isp italiani ha lanciato una piattaforma virtualizzata su Vmware. Da quell'anno eroga il 60% dei propri servizi su piattaforma Vmware Vsphere mentre la frontiera attuale guarda al cloud computing. Proprio nel 2012, infatti, la società ha avviato lo sviluppo dell'infrastruttura di Cloud Computing con supporto del Polo Universitario di Prato e dell'Università degli Studi di Firenze.
hostingsolutions-it-dal-dominio-al-cloud-1.jpg


Luigi Corbacella, Presidente di HostingSolutions.it
, spiega i motivi principali di una scelta cloud: "I nostri clienti hanno la necessità di lanciare nuove applicazioni Web senza previsioni certe del traffico che riceveranno. Da qui la necessità di orientarsi a servizi pay per use. Prima il parametro temporale di pagamento era il mese, con il cloud si paga al secondo. Inoltre, i server dedicati spesso sono un investimento non accettabile e non pianificabile per le Pmi per via delle loro spese di set up e per la scarsa possibilità di previsione dei consumi nei mesi successivi". E prosegue: "Un altro fattore fondamentale è poi time to market: nella cloud si possono avviare decine di istanze virtuali in pochi secondi, rispondendo velocemente anche alle richieste impreviste dei clienti".
Come dice Corbacella, portare servizi nella cloud significa non investire in hardware, passare in pochi secondi da 1 a 100 istanze virtuali attive. Le risorse sono garantite al 100%, si ha alta disponibilità e la possibilità di servire i propri clienti in tempo reale.
L'infrastruttura cloud messa in piedi da Hosting Solutions poggia quindi su due server farm (Firenze, Roma) con un approccio multicarrier ed è collegata attraverso una linea specifica dedicata in fibra sa 1Gbit/s.
L'intera infrastruttura prevede l'utilizzo esclusivo di server Dell (che vengono acquistati in base al servizio da erogare), mentre per la gestione dei dati a livello storage si serve delle San di NetApp (memorizzazione dei dati con tripla copia, garanzia di alta disponibilità e affidabilità).
E come motore della cloud HostingSolutions.it ha optato per l'open source, scegliendo OpenStack, la piattaforma supportata da oltre 150 vendor a livello mondiale, che permette ai clienti di attivare istanze virtuali on-demand sul modello cloud Infrastructure as a service (Iaas).

[tit:Modello di business e mercato]
Inizialmente l'offerta di cloud computing di HostingSolutions.it prevede tre tipologie di istanza: Silver, Gold e Platinum. La tariffazione viene conteggiata per singolo secondo su 1 core a partire da 0.01 centesimi/ora. Non vi è nessun overselling: le risorse acquistate sono garantite al 100%. I volumi del disco permanenti sono separati dalle istanze, quindi i dati possono essere "conservati" e collegati a nuove istanze.
L'avvio delle istanze e dei dischi nella cloud avviene in maniera autonoma. Per avviare un'istanza è sufficiente effettuare una ricarica di soli 10 euro tramite il sistema societario Prepay Service. Le istanze possono essere avviate e spente in qualsiasi momento; il sistema scala in autonomia il credito della ricarica e le operazioni di ricarica e controllo dei consumi avvengono in tempo reale. Vengono tariffati gli effettivi secondi di utilizzo delle risorse nella cloud. L'assistenza è garantita per tutti i clienti via ticket system e telefono.
"Il nostro sistema di assistenza – via telefono, mail e ticket system - è gratuito e garantito per tutti i clienti, dal lunedì al sabato in orario di ufficio. E' uno dei nostri fiori all'occhiello", ricorda Corbacella.
Il modello di go to market aziendale poggia su una rete commerciale interna e una rete esterna di rivenditori. E' su questi ultimi che HostingSolutions.it punta per spingere sul mercato la proposta cloud: "I nostri rivenditori saranno il veicolo principale per spingere sul mercato il cloud computing. Rivendono ai loro clienti i nostri servizi cloud, arricchendoli a loro volta con i loro servizi", afferma Corbacella.
"Con la nostra offerta cloud pensiamo di essere un venodr interessante per quelle realtà aziendali alla ricerca della massima flessibilità di utilizzo e prezzi molto competitivi", conclude Corbacella.
Pubblicato il: 03/07/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud