Logo ImpresaCity.it

Easynet, festeggia 15 anni di attività e punta dritto a cloud computing e Unified Communication

Networking, hosting e videoconferenza: i tre pilastri su cui poggia l'offerta aziendale che nel futuro si orienterà verso cloud computing e Unified Communication. Con una forte focalizzazione sul cliente. "E' un'azienda sana, in profitto, con cash flow positivo, sottolinea Sergio Barbonetti, amministratore delegato e direttore generale della filiale italiana, che quest'anno ha migliorato l'efficienza senza effettuare operazioni di ristrutturazione".

Barbara Torresani

Un service provider che festeggia 15 anni di attività a livello globale e 10 anni in Italia. Una dei pochi esempi di azienda che ha cavalcato fin dalle sue origini il fenomeno Internet, ha vissuto la bolla speculativa, nè è uscita indenne e si è creato uno spazio di tutto rispetto nell'ambito  delle imprese, dove ha espresso al meglio la propria vocazione di fornitore di servizi a valore aggiunto.
E' Easynet Global Services, raccontata da Sergio Barbonetti, amministratore delegato e direttore generale della filiale italiana, che traccia alcune tappe fondamentali della storia aziendale.
easynet-festeggia-15-anni-di-attivita-e-punta-drit-1.jpgUna società, che, partita dapprima nell'area panaeuropea si è poi estesa nel tempo al resto del globo. Nel 2007 arriva negli Usa e Cina e l'anno dopo nell'area Asia Pacific. "Un'azienda globale e internazionale, dice Barbonetti, con un approccio locale; 'glocal' come si usa dire oggi".
Dal febbraio del 2006 è parte del Gruppo British Sky Broadcasting, un'azienda di News Corp; nell'esercizio 2009 ha registrato un fatturato pari a 226 milioni di dollari e per il 2010, in chiusura il prossimo giugno, si aspetta una crescita vicina al 10%".
Sono tre i pilastri  su cui poggia l'offerta societaria: networking (reti dati gestite), l'area storica che incide sul risultato per un buon 60%; hosting di architetture complesse (30%); telepresenza e videcomunicazione gestite (10%). Tre aree differenti che convergono tutte sul mondo IP per un'offerta non generalista, ma ‘specializzata e molto focalizzata'.
Quella della videoconferenza  è un'area di forte interesse per Easynet , nata nel 2008, da un'esigenza interna dell'azienda: "La videocomunicazione non è di per sé una tecnologia nuova - commenta Barbonetti, - esiste da anni, ma oggi è più interessante per l'aspetto finanziario e perché è aumentata la sensibilità al tema ambientale".
Con Managed Virtual Meeting (tecnologia+servizio) Easynet ha ridotto il budget di spesa relativo ai viaggi del 70%. "Non significa che abbiamo smesso di viaggiare, dice Barobonetti; sono stati eliminati gli incontri di tipo operativo mentre sono aumentati quelli più strategici. Il rapporto diretto non sarà mai sostutuito da questa tecnologia, che può aiutare in determinate situazioni a evitare scomodi e costosi trasferimenti delle persone e consentire l'inclusione di persone che altrimenti non potrebbero prendere parte alla comunicazione".
Procedendo in modo pragmatico, passo dopo passo, Easynet traguarda il futuro seguendo due direzioni precise: le comunicazioni unificate e il cloud computing.
Dopo la telepresence e la videoconferenza il passo successivo sarà quello delle Unified Communication, del resto "abbiamo competenze su voce, video e messaging," spiega Barbonetti mentre il passo successivo all'hosting gestito delle applicazioni aziendali è relativo al Cloud Computing, per il quale la società vanta già competenze nell'ambito della virtualizzazione.
Easynet opera attraverso una rete globale composta da sei data center e oltre 50 strutture di colocation in tutta Europa. "La struttura di data center così concepita rappresenta la base per il cloud computing, enfatizza Barbonetti, per distribuire il carico su diversi presidi e operare su servizi per esempio di business continuity e disaster recovery"
Sono i trend del mercato e le richieste dei clienti, verso cui l'azienda tiene sempre l'orecchio teso: "Funzioniamo solo se soddisfiamo appieno le richieste attese in termini di servizio e le superiamo, afferma Barbonetti. La focalizzazione sul cliente è massima".
Un cliente che ha il profilo di un'azienda medio-grande con area di copertura internazionale, perché è proprio in queste realtà che Easynet esprime al meglio la propria capacità di presidiare il globo con l'erogazione del servizio ovunque.
L'espressione italiana di Easynet è un'azienda che nei suoi 10 anni di vita ha avuto uno sviluppo lineare. Sede unica a Milano, circa 40 dipendenti, qualche centinaio di clienti, il presidio del territorio attraverso le partnership, ricavi attesi per l'esercizio in chiusura in crescita del 5-10% rispetto all'anno passato. "E' un'azienda sana, ci tiene a sottolineare Barbonetti, in profitto, con cash flow positivo, che quest'anno ha migliorato l'efficienza senza effettuare operazioni di ristrutturazione ma agendo sui costi di vendita, relativi alla parte di infrastruttura di rete".
Pubblicato il: 12/05/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud