Logo ImpresaCity.it

Bello l'iPad, ma poco pratico, soprattutto per le aziende

Difficile ipotizzare, in base ai primi riscontri, una diffusione su larga scala anche in ambito business dell'ultima sfida Apple

Autore: Giuseppe Goglio

In assoluto, l'evento è con tutta probabilità di quelli destinati a entrare nella storia dell'IT, ma rispetto agli standard Apple, questa volta la grande attesa è stata ripagata in misura inferiore.
Le prime impressioni sul lancio dell'iPad infatti, non sono così entusiaste, soprattutto se paragonate alle vere svolte epocali dettate in passato da iPod piuttosto che iPhone. In particolare, per quanto si è visto finora le prospettive dell'ultima fatica di Steve Jobs appaiono limitate soprattutto nel mondo aziendale. 
Nonostante l'orientamento marcatamente consumer, sembra infatti difficile che dalle parti di Cupertino non abbiamo pensato di conquistare anche una parte dell'utenza professionale. Oltre alle considerazioni legate alla moda però, le ragioni per le quali un'azienda dovrebbe preferire iPad a netbook e notebook non sembrano poter prevalere. È vero che all'insegna della massima mobilità i netbook raccolgono consensi in ambito business, ma anche paragonati ai display più piccoli intorno ai 9" (la media però è ormai vicino agli 11"), uno schermo da 9,7" difficilmente può rivelarsi sufficiente. Soprattutto, quando una parte di questo va sacrificata alla tastiera, altro punto dolente proprio per la ridotta ergonomia a lungo andare di un'interfaccia touch.
Più interessante, invece, la possibilità di impiego nel campo dell'assistenza, e dove comunque in genere l'inserimento dati non comporti testi lunghi ma può trarre vantaggi da moduli. Resta comunque la possibilità di una tastiera tradizionale esterna, venendo però in questo caso a cadere buona parte della praticità del dispositivo. 
Un punto a favore può invece arrivare dal software. Apple ha infatti messo a punto una versione dedicata iWorks, la propria suite di produttività. I moduli di word processor, foglio elettronico e presentazione saranno disponibili sull'Apps Store a 9,99 dollari l'uno. 

Più in generale, a vantaggio di iPad gioca non solo l'effetto novità, ma anche fattori più concreti quali la presenza della connettività Wi-Fi e del modulo 3G, quest'ultimo però a patto di un sensibile incremento del costo, e l'autonomia dichiarata di dieci ore. Qualche critica ha inoltre sollevato l'assenza della fotocamera e soprattutto dello slot per schede di memoria SD, mentre sul fronte sistema le perplessità maggiori sono dovute al mancato supporto di Flash. 
Poche infine, per quanto si è potuto vedere sinora, le attinenze e di conseguenza la possibile rivalità con il Tablet Slate  da 7" con Windows 7 presentato da HP in occasione del recente CES 2010.
Pubblicato il: 02/02/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud