Logo ImpresaCity.it

NetApp prende la direzione del cloud computing

Si apre una nuova era di computing anche per la società, che punta ad offrire la gestione dello storage, delle infrastrutture e dei dati sotto forma di servizio, partendo da una serie di tecnologie consolidate e nuove, che vedono nella nuova versione del sistema operativo societario Data Ontap 8 un elemento cardine.

Barbara Torresani

Dal file sharing al cloud computing, passando dallo storage e i data center: ieri, oggi e domani di NetApp. Un percorso di cambiamento, o meglio di evoluzione, quello seguito da NetApp che da operatore di spicco nel mercato dello storage di rete si è via via ritagliata spazi sempre più ampi in ambiti più estesi che vanno in un’ottica di gestione delle informazioni in senso lato, prevalementemente di tipo infrastrutturale ma anche applicativo.
Oggi la nuova frontiera a cui guarda l’azienda è quella del cloud computing. Un percorso per certi versi obbligato, dettato dal mercato ma anche dalle capacità che NetApp ha già in casa. Anche qui, quindi, un processo evolutivo che guarda ai nuovi orizzonti tecnologici e porta verso l’abilitazione del concetto di cloud computing nelle aziende.
E’ questo un nuovo modo di fare business per NetApp, che poggia però sulle sue comprovate capacità di gestione di dati e di storage, che la pongono in una posizione privilegiata per presentarsi come partner in grado di aiutare le aziende a impostare e creare un’infrastruttura di cloud computing. 

[tit:Data Ontap 8, un’archiettura unificata]
Nell’accezione di NetApp il cloud  computing si pone come modello di business per fornire l’IT come un servizio; è un cloud di tipo "privato” rivolto alle aziende e che può fornire l’It gestita come servizio in diversi modi (infrastructure as a service, platform as a service, software as a service e storage as a service).
Per la costituzione delle infrastrutture cloud attuali e future NetApp pone al centro il sistema operativo Data Ontap, giunto alla versione 8, con altre nuove tecnologie e soluzioni.
Nella nuova versione il sistema operativo aggiunge alle capacità già esistenti di cloud nuove funzionalità per ambienti virtualizzati e infrastrutture condivise, la mobilità dei dati senza interruzione del servizio, la crescita dinamica (attraverso l’architettura scale-out) , e ampi aggregati di storage grazie ai 64-bit.
In particolare, la famiglia Data Ontap 8 combina le due versioni Data Ontap 7G e Data Ontap GX in un codice unico, dando ai clienti estese capacità di scalabilità, efficienza e flessibilità.
Tra le novità che trovano spazio in questo nuovo contesto cloud da segnalare anche una funzionalità di Data Mobility, denominata Data Motion, che, come componente del sistema operativo, consente di “fare movimentazione dei dati” senza causare interruzione di servizi. Con Data Motion è possibile spostare fisicamente informazioni tra sistemi di storage senza dowmtine delle applicazioni e in modo non “distruttivo”; è una funzione che risulta  particolarmente utile in situazioni di upgrade tecnologico, ottimizzazione del livello di servizio, multi-tenancy sicuro e più in generale in ambienti virtualizzati.
Viene da un refresh tecnologico la componente di moduli chache basati su tecnologia flah, denominati Performance Acceleration Module, che nella seconda generazione (dopo una prima annunciata un anno fa) offre un nuovo e alternativo uso della tecnologai flash/Ssd rispetto all’utilizzo dei dischi Ssd nei rack.
Di recente introduzione vi è anche Nddc Solution, un insieme di tecnologie per abilitare il concetto di Infrastructure as a Service. Si tratta di una soluzione  per il data center dinamico che risulta costituita da tre componenti principali: un’infrastruttura orientata ai servizi (Service Oriented Infrastructure), che poggia sulle tecnologie storage della società; un framework di gestione  del servizio che fornisce processi e best pratices per gestire l’infrastruttura; una metodologia di realizzazione  delle infrastrutture as a service, che sfrutta i Servizi Professionali di NetApp.
A tutto ciò la società aggiunge una serie di workshop  (della durata di 2-4 giorni) per affiancare i clienti nella realizzazione del concetto di cloud computing. 

[tit:Partnership e risultati]
In un nuovo modello di IT così concepita come quello del cloud computing  il ruolo delle partnership  tecnologiche e di canale tende ad assumere un’importanza sempre crescente. Per questo motivo NetApp, che da qualche anno ha adottato un atteggiamento sempre più “channel friendly”, convogliando parte degli investimenti sul canale distributivo, ha deciso di estendere ulteriormente la focalizzazione sulle partnership. In particolare, l’attenzione del vendor va a partner abili a proporre queste soluzioni sul mercato, system integrator, var, service provider e outsorucer (per esempio specializzati nell’ambito della virtualizzazione) in grado di coprire a tutto tondo i differenti elementi che si devono combinare per creare un’infrastruttura cloud.
E, non ultimo, le performance della società, che prosegue una tendenza di crescita che la caratterizza da anni. Con un fatturato pari a 3.5 miliardi di dollari nell’esercizio 2009 (chiuso lo scorso aprile) NetApp ha riportato una leggera crescita nonostante sei mesi di esercizio vissuti nel pieno della crisi globale. Anche il pimo trimestre (chiuso lo scorso 31 luglio) dell’esercizio 2010 ha riportato un lieve incremento sul trimestre precedente (da -6% a -4%) facendo sperare in una ripresa delle attività.
Nel corso del 2009 la regione Emea ha contribuito sul risultato totale per il 33%, raggiungendo circa 1.500 nuovi clienti.
Da parte sua la filiale italiana ha registrato un fatturato 2009 in linea con la corporation, mentre il risultato del primo trimestre  ha visto l’azienda riportare una crescita pari al 15%. La struttura locale, con uffici a Roma e Milano, conta oggi circa 50 persone di organico e un parco clienti pari a 700 aziende, di cui 60 raggiunti nel corso dell’ultimo esercizio.
Pubblicato il: 17/09/2009

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud